Olbia-Alessandria: per sei stagioni la frequentazione è stata intensa

foto-olbia-11

 

L’Olbia Calcio è nata nel 1905, ma fino ai primi anni Trenta  ha svolto attività amatoriale non iscrivendosi ai campionati. Esordisce nei tornei disputati sotto l’egida dell’ULIC ed ottiene subito buoni risultati. Comincia a frequentare l’ambito Federale negli anni immediatamente precedenti e durante la Seconda Guerra Mondiale. Al termine del conflitto inizia la sua vera attività.

foto-olbia-7

foto-olbia-6

Subito entrata a far parte della serie C (che abbandona dopo una sola stagione), inizia un lungo cammino nelle categorie inferiori per rivedere la luce della serie D nel 1958. Dieci anni più tardi otterrà la promozione in serie C che resterà la sua casa (con qualche interruzione) per circa trent’anni. Nuovamente retrocessa in D risalirà nel 2002 aggudicandosi anche lo scudetto Dilettanti.

foto-olbia-1

foto-olbia-9

L’ultimo sprazzo di gloria nel 2009 quando si qualifica ai playoff per la Prima Divisione di Lega Pro; poi nel 2010 l’esclusione dai campionati ed il fallimento.  La nuova società subentra ripartendo dall’Eccellenza e quest’estate il ritorno nella terza serie grazie all’ammissione alla Lega Pro per completamento dei quadri.

I precedenti

La militanza in serie diverse e la posizione geografica (raramente piemontesi e sarde sono state inserite nello stesso girone) hanno fatto sì che Alessandria ed Olbia non si incontrassero fino al 1983. Da allora fino al 2009 per sei stagioni la frequentazione è stata intensa fino all’ultimo anno finito con tre sfide in tre settimane!foto-olbia-10

Andiamo con ordine: la prima partita in Sardegna è anche la prima assoluta della sfida. Si gioca in campo neutro per l’indisponibilità del terreno di Olbia. La sede è Calangianus e il campo è intolato alla “Signora Chiara”. La partita finisce in parità, 0-0, ma è giocata su un terreno sconnesso e sabbioso veramente al limite della praticabilità, inadatto alla terza serie: l’Alessandria è in fase di costruzione dopo l’arrivo dei fratelli Calleri, ma il pareggio costerà la panchina a Ferretti che in setimana verrà sostituito da Fossati.

24.09.1983 Calangianus, signora Chiara – 2ª giornata

Olbia – Alessandria 0-0

Olbia Calcio: Sapochetti, Serratore, Tamponi, Sarritzu, Appeddu, Marini, Saporito, Scaterna, Giua, Di Francesco, Lepidi.   A disp.: Bertaglia, Arcoleo, Sardo, Aloia All.: Franzon.

Alessandria: Carraro, Battiston, Gregucci, Rastelli, Perego, Marangon, Fratena, Manueli, Scarrone, Salvadori, Camolese [88. Sgarbossa]. A disp.: Beccari, Pistis, Pagano, Cavaglià. All.: Ferretti.

Arbitro: De Luca (Napoli).

olbiaalessandria-90-91-2Istantanea di Olbia-Alessandria 1-1, campionato 1990-’91.

 

L’anno successivo si gioca al “Nespoli” ed i Grigi sbancano: passano in vantaggio i bianchi con Tamponi, poi Marescalco e Sgarbossa rovesciano il risultato. In questa partita troviamo il primo “doppio xx”: Saporito la stagione prima era all’Olbia e adesso è con i Grigi.

07.10.1984 Olbia, Bruno Nespoli – 3ª giornata

Olbia – Alessandria 1-2 (1-0)

Reti: 20. Tamponi [O], 55. Marescalco [A], 80. Sgarbossa [A].

Olbia Calcio: Magnani, Degortes [79. Spano], Accardi, Are, Simonelli, Melgari, Pavani [77. Scatena], Tamponi, Ceccarelli, Di Francesco, Pelli. A disp.: Pinna, Mereu, Manunta. All.: Castellazzi.

Alessandria: Carraro, Moro, Sgarbossa, Carrera [49. Manueli], Gregucci, Cesaro, Saporito, Camolese, Marescalco, Scarrone, Vulpiani. A disp.: Beccari, Briata, Coppola, Scaramaglia. All.: Mari.

Arbitro: Nepi (Ascoli Piceno).

olbiaalessandria-90-91-1

olbiaalessandria-90-91Ancora Olbia-Alessandria 1-1, torneo di serie C2 1990-’91.

 

Il 31 maggio 1987 l’Olbia vince la sua prima partita con l’Alessandria: un risultato di misura grazie a Scalzi che da due passi sfrutta un’indecisione di Beccari.

Un anno di sospensione poi i Grigi rivincono in trasferta, sempre 1-0, questa volta grazie a Carrara.

Con l’1-1 del 1991, sfortunata autorete di Venturi e gol di Mazzeo, la serie si chiude per oltre diciassette anni.

Il 2008-’09, però riserverà molte sorprese. Il calendario mette le due squadre di fronte all’ultima giornata. Ad Olbia a dicembre il clima è primaverile ma per l’Alessandria è estate: 3-0 ai bianchi con Buglio, Mateos e Artico. L’Alessandria è campione d’inverno. Come al solito il girone di ritorno è un calvario. Al Moccagatta la vittoria arriva, ma è inutile perchè il Varese è a pari punti ma sale direttamente grazie agli scontri diretti. Si giocano i playoff: contro chi? Ma proprio l’Olbia e la domenica successiva in Sardegna i padroni di casa vincono: la rete decisiva di Giglio è propiziata da un lancio dell’ ex grigio Scalise.

mateos

Giglio, nell’azione del gol, si è reso colpevole di una manata ai danni di Cozza ed ha poi festeggiato la rete con gesti poco eleganti (eufemismo) nei confronti dei tifosi avversari.

gol-briano

La vittoria alessandrina nel ritorno, sempre per 1-0 permetterà ai Grigi di passare il turno grazie al miglior piazzamento in campionato.

Olbia – Alessandria 1-0 (1-0)

Rete: 11. Giglio [O].

Olbia Calcio: Righi, Gilardi, Zeoli, D’Allocco, Varriale, Bussi, Soro, Scalise [69. Testa], Volpe [76. Memè], Simoncelli, Giglio. A disp: Rosano, Bricchetti, Fedeli, Masciantonio, Bordacconi. All. Vullo

Alessandria: Servili, D’Aniello [46. Ciancio], Cozza, Cammaroto, Schettino, Mateos Aparicio, Briano, Buelli [69. Motta], Buglio, Rosso Daniele, Artico [71. Pelatti].   A disp: Lorenzon, Zappella, Longhi, Damonte Loris. All. Foschi.

Arbitro: Carbone (Napoli) [Secco, Parolin; Sguizzato].

Le cifre

In totale 14 partite giocate, tutte in campionato. Otto le vittorie dell’Alessandria, solo due le sconfitte, 17-6 le reti.   Anche sull’isola l’Orso è in vantaggio: 3-2 con due pari (7-4 i gol).

olbia-andata-1

Massimo Mariani (Olbia) è il giocatore con più presenze nella sfida con 6 presenze. Hanno cinque gettoni il mandrogno Manueli e l’ … apolide Saporito che, come detto, ha giocato con entrambe (2 con l’Alessandria, 3 con l’Olbia). A quota quattro l’altro giocatore che ha giocato sia in bianco che in grigio questo match: parliamo di Accardi, 2 volte in campo con entrambe le contendenti.cazzola

Domenica ci sarà il terzo doppio: Riccardo Cazzola (a fianco) che ha già collezionato tre partite con l’Olbia.

Giancarlo Marchetti con la sua tripletta comanda anche la classifica dei cannonieri seguito da Buglio e Marescalco.

In totale nella storia delle due squadre ci sono 19 giocatori in comune. Di questi solo sei (oltre a Saporito, Accardi e Cazzola ci sono D’Aniello per i Grigi, Scalise e Maniscalco per i bianchi) hanno giocato la sfida.

olbia-andata-2

C’è anche il solito caso particolare: Alessio De Petrillo ha giocato una volta con l’Olbia contro i Grigi che poi ha allenato per un breve periodo.

Sergio Giovanelli

Guarda anche

Articoli correlati

Giglio chiede scusa ai tifosi grigi per quel suo gestaccio ad Olbia

Giglio segna con un gol di testa viziato da una gomitata

Contro l’Olbia l’eurogol di Mauro Briano