Tutte le volte che l’Orso ha sfidato il Satanello

Verso Foggia-Alessandria, playoff di Lega Pro

Vignetta Alessandria-FoggiaFoggia-Alessandria, Satanelli contro Orsi nell’interpretazione di Franco Dossola.

 

La squadra calcistica di Foggia nacque ufficialmente nel 1920 dall’unione di forze preesistenti in città. Dopo una serie di stagioni trascorse nelle serie minori con sporadiche apparizioni in serie B, dagli anni ’60 cominciarono le stagioni d’oro che possiamo dividere in tre periodi distinti. Tifosi_foggia_1964Dal 1964 al 1967 la squadra militò in serie A con la denominazione Foggia & Incedit (dovuto ad un’altra fusione), togliendosi anche alcune soddisfazioni come battere l’Inter di Helenio Herrera. Negli anni ’70 altre tre promozioni nella massima serie ed altrettante retrocessioni. Negli anni ’90 ci fu l’epopea di “Zemanlandia”: una squadra formata soprattutto da giocatori provenienti dalle serie minori guidata in panchina da Zdenek Zeman disputò cinque stagioni nella massima serie sfiorando in un paio di occasioni la qualificazione alla Coppa Uefa. Dopo lo splendore, la caduta culminata con la mancata iscrizione alla Lega Pro del 2012.

 

1280px-Rosa_Foggia_1968-1969La squadra rossonera della stagione 1968-’69, terza classificata in Coppa Italia.

 

1280px-Panchina_Foggia_69-70 Una panchina del Foggia nella stagione 1969-’70.

 

Per poter assistere ad un incontro tra Alessandria e Foggia bisogna attendere il campionato di serie B 1960-’61 quando i Grigi, appena retrocessi, incrociarono i Satanelli appena promossi dalla C. Si giocò il 9 ottobre 1960 al Moccagatta su un terreno reso fangoso e pesante dalla pioggia e l’Alessandria, molto più a suo agio su questi terreni, vinse 3-2.Nocera

Nel girone di ritorno non si gioca al Pino Zaccheria (uno sportivo foggiano caduto nella Seconda guerra mondiale), bensì a Caserta perchè il terreno di Foggia era squalificato per intemperanze del pubblico. I padroni di casa vincono 1-0 con gol di Cosimo Nocera, il primo giocatore rossonero a vestire l’azzurro della Nazionale.

19.02.1961 Caserta, Alberto Pinto – 22ª giornata

Foggia Incedit – Alessandria 1-0 (0-0)

Rete: 60. Nocera [F].

Foggia & Incedit Us: Biondani, Bartoli, De Pase, Diamantini, Odling, Bertuolo, Compagno, Stornaiuolo, Nocera, Thermes, Patino. All.: Costagliola – D.T.: Tabanelli.

Alessandria: Arbizzani, Melideo, Giacomazzi, Pizzolito, Barcellino (I) Giancarlo, Soncini Antonio, Oldani Tullio, Azzimonti, Fanello, Sala, Marmo. All.: Achilli.

Arbitro: Samani (Trieste).

Giocata in campo neutro per squalifica del Pino Zaccheria.

Al termine di quel torneo il Foggia torna in C per risalire due stagioni dopo. Il giorno dell’Epifania del 1963 nella città pugliese i Grigi attaccano ma il Foggia segna e vince 1-0 sbagliando pure un calcio di rigore.

06.01.1963 Foggia, Pino Zaccheria – 16ª giornata

Foggia – Alessandria 1-0 (0-0)

Rete: 78. Patino [F].

Foggia & Incedit Us: Ballarini, Corradi, Valadè, Bettoni, Rinaldi, Faleo, Oltramari, Gambino, Nocera, Lazzotti, Patino. All.: Pugliese.

Alessandria: Nobili, Melideo, Gambarini, Giacomazzi, Bassi, Migliavacca, Oldani Tullio, Tenente, Taccola, Cantone, Bettini Sergio. All.: Rava.

Arbitro: Orlando (Bergamo).

Su rigore Sergio Bettini segna il gol decisivo (1-0) nella gara di ritorno caratterizzata da una condotta aggressiva da parte dei foggiani, fatto insolito per una squadra ormai esclusa da ogni obbiettivo.

Foggia-AlessandriaFoggia-Alessandria 4-0 campionato di serie B 1963-’64.

 

L’anno successivo il Foggia distrugge l’Alessandria: 4-0 allo Zaccheria. I Grigi incassano tre gol e poi restano in nove per l’espulsione di Melideo e l’infortunio di Sergio Bettini (non erano ancora previste le sostituzioni).

12.01.1964 Foggia, Pino Zaccheria – 17ª giornata

Foggia – Alessandria 4-0 (1-0)

Reti: 17. Faleo [F], 51. Gambino [F], 52. Gambino [F], 89. Valadè [F].

Foggia & Incedit Us: Moschioni, Bertuolo, Valadè, Bettoni, Rinaldi, Ghedini, Oltramari, Gambino, Nocera, Faleo, Lazzotti. All.: Pugliese.

Alessandria: Nobili, Melideo, Vanara, Migliavacca, Carlini, Verga, Vitali Alessandro, Fara, Cesana, Bettini Lorenzo, Bettini Sergio. All.: Vitto.

Arbitro: Pieroni (Roma) [Fortugno, Squadrito]..

Espulso 62. Melideo [A].

Al 60. Sergio Bettini [A], si infortuna ed è costretto ad abbandonare definitivamente il campo al 72..Foggia

Al Moccagatta la partita è emozionante e a tratti drammatica. Il Foggia gioca per salire in A, i Grigi per non scivolare in C. E’ la terzultima giornata e dopo un minuto i Satanelli sono in vantaggio, al 5′ un rigore segnato da Tenente pareggia la situazione. Finisce 3-2 per l’Alessandria con un espulso (Verga), due usciti per infortunio, due sportivi foggiani colpiti da infarto (uno deceduto, l’altro in gravissime condizioni) e otto tifosi rossoneri fermati dalla polizia per tafferugli. Il Foggia viene comunque promosso e quando torna tra i cadetti i Grigi vanno in C. Passeranno dieci anni prima dei prossimi incontri.

AlessandriaFoggia 2-0Coppa Italia 1974-’75 Alessandria-Foggia 2-0 . In piedi da sinistra: Pozzani, Di Brino, Colombo, Maldera II, Franceschelli. Accosciati da sinistra a destra: Barbiero, Volpato, Manueli, Dolso, Baisi, Vanara.

 

Nel 1974-’75 tre partite (le ultime). Al Moccagatta ad agosto un bel 2-0 in Coppa Italia in quella che sarà l‘unica vittoria grigia nel girone eliminatorio del torneo: VolpatoManueli i marcatori.

A febbraio un’autorete di Doldi regala la vittoria ad un’Alessandria rimaneggiatissima per le assenze di RejaBaisi e Volpato.

Infine a Foggia, alla penultima giornata allo Zaccheria va in scena uno spettacolare 3-3 agguantato dai grigi (alla disperata ricerca dei punti salvezza) nei minuti di recupero grazie ad una capocciata di Colombo.

15.06.1975 Foggia, Pino Zaccheria – 37ª giornata

Foggia – Alessandria 3-3 (1-1)

Reti: 21. Baisi [A], 31. Cimenti [F], 55. Lorenzetti [F], 63. Dalle Vedove [A], 80. Bresciani [F], 93. Colombo Antonio [A].

Foggia Us: Trentini, Cimenti, Colla, Pirazzini, Sali, Fumagalli, Pavone, Lodetti, Bresciani, Lorenzetti, Stefanelli [69. Borgo]. A disp.: Brunelli, Piemontese. All.: Maldini.

Alessandria: Pozzani, Vanara, Di Brino, Reja, Barbiero, Colombo Antonio, Manueli, Volpato, Baisi, Dalle Vedove, Mazzia [69. Unere]. A disp.: Croci, Dolso. All.: Giorcelli.

Arbitro: Mascali (Desenzano) [Lascialfari, Rossi].

In totale nove partite giocate (8 in B) con 5 vittorie grigie un pari e tre sconfitte. A Foggia un pareggio e tre sconfitte su quattro gare. I gol sono 13-13 (3-9 in Puglia)

Foggia 03

Foggia 01

Con cinque presenze nella sfida ci sono i grigi Melideo, OldaniVanara e i rossoneri Nocera e Patino.

Capocannonieri due reti i Bettini (Renzo e Sergio) e i foggiani Gambino e Valadè

Renzo Bettini e Gambino sono gli unici ad aver segnato una doppietta.

Foggia 02

Da registrare nella storia degli incontri anche due autoreti (Bercellino pro Foggia, Doldi pro Alessandria), un rigore sbagliato (Nocera), quattro espulsi (Melideo, Verga, Taccola per i Grigi, De Pase per i Satanelli).

oronzo9Oronzo Pugliese (a destra) con Helenio Herrera a “San Siro”.

 

Tra i tecnici in panchina il più presente è il “mago dei poveri” Oronzo Pugliese con quattro partite; Camillo Achilli, Sergio Castelletti e Anselmo Giorcelli con due gare ciascuno sono i tecnici più gettonati tra i Grigi.

Infine i doppi ex. Ventotto giocatori nella storia hanno indossato sia il rossonero che il grigio. Metà di questi ha giocato prima ad Alessandria, l’altra metà prima a Foggia; otto sono passati direttamente da una all’altra, Massimo Berta ha giocato in Puglia una stagione in prestito facendo andata-ritorno in dodici mesi.

Dalle vedove (4)Una formazione del Foggia durante il ritiro precampionato che si tenne a Bovino, sui Monti Dauni, nel 1967-”68. In piedi da sinistra, Micheli, Magi, Dalle Vedove, Montepagani, Traspedini e Faleo. Accosciati, Majoli, Vivian, Oltramari, (io), Moschioni, Valadè. (Foto Filippo Morsillo).

 

Nessuno ha giocato la partita nelle due … metà campo; due hanno giocato nel Foggia contro l’Alessandria. Se Inselvini ignorava che in futuro avrebbe militato nei Grigi, Lorenzetti non solo sapeva di essere un ex Orso ma ha addirittura ha segnato un gol. Esattamente quanto accaduto a Dalle Vedove, nella stessa partita, ma a maglie invertite. Danny passò dai Grigi ai rossoneri ad inizio carriera per poi tornare ad Alessandria a (ri)giocare la serie B.Vitofrancesco

Infine il caso ultra-particolare: Ferdinando Vitofrancesco  (nella foto  fianco) è l’unico ad avere qualcosa delle due città: milita nell’Alessandria ma è nato a Foggia.

 

Sergio Giovanelli

Articoli correlati

Gol e miracoli del grande Foggia allenato negli anni Novanta da Zeman