Sosa determinante contro il Südtirol

Sosa a Bolzano

 

Al Druso di Bolzano non si passa, nemmeno l’Alessandria riesce nell’impresa: finisce 1-1 il match contro il Südtirol, un punteggio che tiene inchiodati i Grigi in quarta posizione (anche se la piazza d’onore, occupata dal Pordenone, dista appena due lunghezze).

La formazione di Angelo Gregucci fa la partita e sciupa alcune occasioni interessanti, ma al primo spunto i padroni di casa rompono il ghiaccio con un tocco di Fink (ben servito da Bandini): passano però due minuti e i piemontesi pareggiano con una punizione-cross di Vitofrancesco, che si infila in rete dopo essere passata in mezzo a un selva di gambe. Grigi sfortunati, quando nel finale Loviso colpisce una traversa clamorosa.

Sudtirol-Alessandria

Tra i protagonisti della sfida di Bolzano c’è stato il difensore centrale uruguaiano Cristian Sosa, autore di due interventi che hanno salvato la porta grigia.

“Nella prima azione, subito dopo l’intervallo, sono andato sul pallone non mi sono accorto dell’ultimo dietro, Gliozzi.  E’ stato un gesto naturale, l’ho visto quando avevo ormai la gestione della palla. Comunque – ha spiegato Sosa nel dopo gara, intervistato dalla collega Mimma Caligaris de “Il Piccolo” -. Vannucchi era ben piazzato, sulla traiettoria della palla, credo non avrebbe avuto problemi a controllarla”.

Ha poi commentato così il pareggio: “Conta, soprattutto, non esserci mai scomposti, aver tenuto l’atteggiamento giusto, anche quando hanno cercato di aggiungere velocità sfruttando le ripartenze. Siamo stati bravi, e solidi, anche noi a chiudere tutti gli spazi e a provare sempre ad imporci, anche se il vento, freddo e fastidioso, ci ha impedito, quasi sempre, di giocare palla a terra, come a in riesce bene“.

Sudtirol-Alessandria.1

Ed ancora: “Il pari conta tantissimo, per il nostro futuro è un risultato prezioso, anche alla luce di quanto è successo sugli lari campi. Il discorso playoff poteva essere chiuso oggi, è vero. Però ci siamo, siamo ancora in piedi, siamo dentro, su un campo dove molti hanno perso punti. Noi ce la siamo giocata a testa alta dall’inizio alla fine”.

Mario Bocchio

Le fotografie sono tratte dal profilo Facebook dell’Alessandria Calcio.

Articoli correlati

Gregucci e Loviso dopo il pari del “Druso”

I Grigi non sanno vincere a Bolzano

Fischnaller è pronto a sfidare il suo passato

Anche il Südtirol si arrende al “Mocca”

Il Südtirol è la squadra prof più a nord d’Italia