Quei favolosi anni Ottanta (terza puntata)

Campionato 1981-82 (3)Una formazione dei Grigi nel ampionato 1981-’82 serie C1. In piedi da sinistra: Pasquali, Soncini, Colusso, Piccotti, Fabris, Discepoli, Colombo. Accosciati: Zanier, D’Urso, Passalacqua, Maniscalco.

 

 La serie C1 del 1981-’82 non fu un ricordo da conservare: la società sbagliò molte cose in sede di mercato. I Grigi persero il giocatore più bravo, Zerbio, e non lo sostituirono adeguatamente. Molti dei nuovi arrivati non compresero che quell’anno ci sarebbe stato da lottare sino in fondo. Ballacci chiese di essere esonerato per dare una scossa ma quei dirigenti lo stimavano troppo per riservargli un trattamento del genere. Eppure quel gruppo dirigenziale non fece poco per il calcio in città: Ballacci è sempre stato molto legato soprattutto a Sandroni, che si rivelò un uomo squisito e capace, disponibile coi giocatori, attento alle loro esigenze. Forse la C1 era una dimensione troppo grande per quel gruppo. E poi fare calcio ad Alessandria era molto difficile nonostante la passione di molti

Il tifo

Campionato 1981-82Alessandria-Modena 1-2.

 

Campionato 1981-82 (2)Alessandria-Atalanta 0-0.

 

Campionato 1981-82 (1)Alessandria-Padova 0-2.

 

Alessandria_Triestina8182Alessandria-Triestina 1-1.

 

Incidenti AlessandriaAtalanta (1)Incidenti AlessandriaAtalanta (3)

Incidenti AlessandriaAtalanta (2)

 

Incidenti AlessandriaAtalanta Fotogrammi degli incidenti tra i tifosi alessandrini e atalantini nei pressi del “Moccagatta”

 

Alcuni dei protagonisti

1646-bencardino  1684-diprete 

Alfredo Bencardino (a sinistra) e Claudio Di Prete.

 

1828-albinelli  1834-passalaqua   Fabio Albinelli (a sinistra) e Sileno Passalacqua.

Quel campionato in sintesi

La promozione ottenuta al termine del campionato precedente, se da un lato rende felici, dall’altro genera non pochi problemi: organizzativi, strutturali e finanziari. I soldi messi a disposizione dai dirigenti non sono sufficienti. Oltretutto il campionato si presenta piuttosto difficile con squadre blasonate che vogliono tornare ai fasti del passato. Citiamo l’Atalanta, la Triestina, il Modena e le due venete Vicenza e Padova. Le scarse risorse condizionano non poco la campagna rafforzamento. Si sceglie la politica dei giovani e dei meno giovani che si vogliono mettere ancora in gioco. Arrivano i difensori Albinelli e Bencardino; si sacrifica la rivelazione della stagione precedente, Zerbio, per ottenere dalla Carrarese la mezzala Discepoli e poi si punta sull’esperto Di Prete, piccolo tuttofare con esperienze in campionati superiori.

Campionato 1981-82 (2)La mezzala Gian Cesare Discepoli.

 

Il tutto nelle mani garantiste di Dino Ballacci. Il campionato è travagliato. Pochissime le buone prestazioni. Si segna poco, si vince poco mentre i giocatori si segnalano più per le richieste di premi-salvezza che per l’agonismo in campo. Certe partite molto chiacchierate spaccano inoltre il rapporto tra squadra e tifosi. Due soli punti nelle ultime sette partite di torneo sanciscono implacabilmente una poco nobile retrocessione. E’ di nuovo C2.

 

Il campionato ai raggi X (clicca per leggere partita per partita)

 

Tabellini 1981-82

Alcuni scatti fotografici

Campionato 1981-82 (4)

Campionato 1981-82 (5)

Campionato 1981-82

Campionato 1981-82 (1)

Campionato 1981-82 (2)Immagini che si riferiscono alla partita Modena-Alessandria 1-0.

Così sulla stampa

 

Campionato 1981-82

Campionato 1981-82 (1)

Campionato 1981-82 (4)“La Stampa” e “Stampa Sera” sul match Alessandria-Atalanta 0-0.

 

Campionato 1981-82 (3)

Campionato 1981-82 (5)“La Stampa” e “Stampa Sera” sulla partita Alessandria-Sanremese 0-1.

 

Articoli correlati

Quei favolosi anni Ottanta (prima puntata)

Quei favolosi anni Ottanta (seconda puntata)

 

Mario Bocchio

Marcello Marcellini