Storia della Cremo: in serie A tra spareggi e promozioni

serieastoria

 

Dopo la grande delusione della promozione sfumata, nel campionato 1983-‘84 si riparte con determinazione, arrivano Marco Nicoletti a far coppia con Vialli, il giovane portiere di scuola Juve, Giulio Drago, Francesco Della Monica e Gianluigi Galbagini. Si parte bene, con la Cremonese imbattuta nelle prime cinque giornate, poi un momento di crisi, durato però solo due partite, e la ripresa della corsa con la squadra che si laurea campione d’inverno a pari punti con il Como.
La lotta si fa più serrata ma i punti da gestire, a sei giornate dalla fine, sono quattro. Tra i momenti più difficili la trasferta di Como (1 a 1 con gol di Todesco e pareggio di Vialli) quando Mondonico viene colpito in panchina da un tifoso lariano che gli ferisce la mano con un ombrello. La Cremonese vince con la Pistoiese, ma perde a Empoli e la festa è rimandata.

serieastoria2

Si arriva alla penultima giornata, in calendario c’è Cremonese – Palermo, la partita finisce 3 a 3, un risultato che non scontenta nessuno, la Cremonese torna in serie A dopo 54 anni e il Palermo si salva dalla B: il 10 giugno 1984 a Cremona esplode in una festa senza precedenti.

Per i ragazzi di Mondonico si tratta di un trionfo sudato e meritatissimo, frutto di una stagione giocata ad altissimi livelli.

Dal Palermo torna in grigiorosso Erminio Favalli, con ruolo da dirigente; diventerà per un ventennio protagonista della Cremonese “pane e salame”, una società a misura d’uomo capace di lanciare giovani e far rendere al meglio tutti i giocatori. Nell’estate del 1984 viene presa la storica decisione di spostare il cuore del tifo dalla Curva Nord alla Curva Sud, mentre il club grigiorosso “Le Fedelissime” è il primo in Italia ad essere formato da sole donne.

Il ritorno in serie A comporta tutta una serie di novità. Oltre a rafforzare la squadra bisogna anche rinnovare le Zini e, per aumentare la capienza alla tifoseria di casa, si decide di trasferire i tifosi grigiorossi dalla curva Nord alla curva Sud.

chiorri

Per la prima volta la società decide di acquistare due stranieri, a campionato in corso, arrivano il libero polacco Wladyslaw Zmuda e l’attaccante brasiliano Juary; Gianluca Vialli lascia Cremona per la Sampdoria che in campo offre il talentuoso Alviero Chiorri; in porta arriva Borin a sostituire Drago, e poi Pancheri, Mei e Meluso.Zmuda

Si comincia con una sconfitta per 1 a 0 a Genova, contro la Samp di Vialli, ma all’esordio tra le mura amiche arriva una vittoria che fa ben sperare, 2 a 1 contro il Torino di Radice, con gol di Bonomi e Nicoletti. La terza giornata vede la Cremonese a San Siro contro il Milan, Nicoletti apre le marcature freddando il Meazza, ma poi ci pensa Hateley, 2 a 1 per i rossoneri. Al termine della gara un tifoso di Castelleone (Cr), Marco Fonghessi, viene accoltellato a morte da un teppista che verrà successivamente arrestato.

La Cremonese gioca bene ma non riesce a far punti e il suo destino appare presto segnato. C’è solo da segnalare il record di spettatori allo Zini, 21 mila, e di incasso, 334 milioni, per la partita con la Juve, il 21 ottobre 1984. Durante l’anno, inoltre, vengono staccati 5371 abbonamenti, la squadra però non pare all’altezza del campionato: la Cremonese da spettacolo ma non raccoglie punti, fino a retrocedere nuovamente in serie B l’ultima giornata.

Juary

Nel 1985-‘86 è di nuovo serie B. È l’ultimo anno di Emiliano Mondonico. Arrivano a Cremona Rampulla, Citterio, Gualco, Lombardo, Galluzzo, lasciano invece Galvani, Paolinelli e Fulvio Bonomi in partenza per Ascoli prima e per la Sampdoria poi. La Cremonese affronta l’annata in modo tranquillo, un po’ sotto tono, dopo l’amara retrocessione, non andando oltre il nono posto. La stella della squadra è Chiorri: “Alviero is magic” diventa lo striscione collocato lungo la Curva Sud.rossi-grazilli

Dopo l’addio di Mondonico, nel campionato 1986-87 arriva Bruno Mazzia. La scelta si rivela positiva e la Cremonese veleggia nei primi posti di classifica. Il finale è emozionante, alla quartultima giornata la Cremonese viene battuta dal Lecce in trasferta, ma la giornata successiva riesce a rimediare  battendo il Parma di Arrigo Sacchi, con gol di Chiorri e Finardi. A Vicenza (trentasettesima giornata) non si va oltre lo 0 a 0, ma la doccia fredda arriva all’ultima giornata quando la Cremonese si fa battere in casa dal Pisa di Gigi Simoni. Si torna agli spareggi con Cesena e Lecce. Contro i pugliesi la sconfitta è pesante, 4 a 1, contro il Cesena 1 a 0 ma ormai tutto era già compromesso.

Il 1987-‘88 in casa grigiorossa si inaugura lo schieramento a zona. L’allenatore è sempre Bruno Mazzia. A fine girone d’andata la Cremonese è terza con 23 punti, ma i troppi pareggi frenano la corsa alla serie A e, dopo la sconfitta casalinga col Lecce, la Cremonese chiude sesta.

La serie A sfugge ancora: i risultati sono buoni ma non sufficienti per centrare la promozione.
La svolta arriva nel campionato successivo (1988-‘89). La Cremonese di Mazzia arriva quarta a pari merito con Reggina e Cosenza. Sarà spareggio contro la Reggina. È il 25 giungo del 1989 si gioca Cremonese – Reggina a Pescara (il Cosenza è fuori per gli scontri diretti).lombardo

Lo stadio Adriatico è invaso dai calabresi, ma la compagine grigiorossa non cede. I 90′ terminano sullo 0 a 0, si va allora ai supplementari e poi ai rigori. Sbaglia per primo Onorato, per la Reggina, ma l’errore di Chiorri mette tutto in parità; si prosegue, la Reggina ha una nuova battuta d’arresto con Armenise, ed è allora “Bombetta” Lombardo, che lascerà Cremona per la Sampdoria, a segnare il rigore che vale la serie A.

Per la serie A (1989-‘90) arriva un nuovo allenatore sulla panchina grigiorossa, si tratta di Tarcisio Burgnich, e nuovi giocatori stranieri (in serie A è possibile tesserarne tre): lo svedese Anders Limpar, l’argentino Gustavo Abel Dezotti, e il paraguaiano, in prestito dalla Juve, Gustavo Neffa. Il campionato è molto duro e la Cremonese in più occasioni protesta per presunti torti arbitrali subiti dalle grandi. Da segnalare la vittoria contro il Milan di Sacchi, con rete di Dezotti, e il pareggio 2 a 2 con la Juve (Citterio, Gualco, Alessio, Schillaci). Ma nulla può questa Cremonese che finisce ancora una volta in serie B, giungendo penultima con soli 23 punti.

Mario Bocchio

Articoli correlati

Il decennio che contiene il meglio e il peggio della storia grigiorossa

Guarda anche

Alla scoperta del pianeta degli Ultras cremonesi