Alla scoperta del pianeta degli Ultras cremonesi

ultras-cremo-2

 

Gli albori del tifo organizzato a Cremona si ricollegano alla squadra cittadina di pallacanestro. L’anno era il 1975 e un gruppo di ragazzi fondò il primo gruppo, che prese il nome “Boys”. Nell’aprile del 1976 questo primo gruppo entrò allo “Zini” e si posizionò nei distinti dello stadio cittadino, ma quasi subito si spostò in curva nord.

ultras-cremo-9A Bergamo negli anni Ottanta.

 

L’epoca dei Boys si esaurì nella stagione 1981-’82 dopo anni in terza serie caratterizzati dai derby infuocati con Piacenza e Mantova e da una storica promozione in serie B nel 1977. Nel 1978 i Boys furono affiancati per un paio di stagioni dai Panthers, e in quegli anni si ricorda in curva nord anche lo striscione dell’Autonomia Grigiorossa.

ultras-cremo-1

I piacentini a Cremona in un derby molto acceso.

 

Sempre nel 1978 venne stretto un gemellaggio con la tifoseria reggiana, che andò ad aggiungersi all’amicizia già esistente con i ragazzi di Sant’Angelo Lodigiano. Nel marzo 1981 venne fondata la Gioventu’ Grigiorossa, che festeggiò il ritorno in B della Cremonese; poco dopo il gruppo si trasformò in Red Grey Supporters. Un aneddoto sulla “mentalità” dei Boys: dopo il loro scioglimento tanti di loro non frequentarono più lo stadio, sebbene stessero iniziando gli anni dei grandi successi della Cremonese.

ultras-cremo-23 Road Kids fine anni  Ottanta.

 

ultras-cremo-5Collettivo Ultra’ Curva Sud anni Ottanta.

 

ultras-cremo-6Cremonese-Lecce.

 

Nel 1982 venne stretto un gemellaggio con la tifoseria di Vicenza. I Red Grey Supporters (R.G.S.) lasciarono un’impronta profonda nel tifo cremonese in quanto fu il primo gruppo, a livello organizzativo, che riuscì a coinvolgere la massa nel sostenere la Cremonese nei suoi primi assalti alla conquista della serie A, coronati poi nel 1984.

Spettacoli indimenticabili di folla e coreografie caratterizzarono quell’epoca dove i cremonesi riuscirono a tesserare più di 1500 ragazzi e ad avere sezioni in parecchi paesi della provincia; North Viking, e per una breve parentesi Hell’s Angels, in quegli anni affiancarono i R.G.S. Nella stagione 1983-’84 un gruppo di ragazzi, fino allora facenti parte dei R.G.S., si spostarono in curva sud e diedero vita al Collettivo Ultras Curva Sud; dapprima in pochi, riuscirono poi a catalizzare l’interesse dell’intera tifoseria, che li seguì in sud dopo quasi un decennio passato nel settore opposto.

ultras-cremo-7Cremonese-Como nel 1982.

 

ultras-cremo-8Mitica trasferta a Varese.

 

ultras-cremo-10Cremonesi a Bologna.

 

I Cucs furono i primi ad avventurarsi nelle trasferte in Meridione, considerate allora quasi un tabù, e dopo lo scioglimento dei Red Grey Supporters, avvenuto nel giugno del 1987, furono affiancati dai Longobards. Tra i 2due gruppi non ci fu mai grande sintonia ma, affiancati due anni dopo dai Road Kids, tentarono di coinvolgere una curva che stava andando alla deriva. Un discorso a parte meritano i Road Kids in quanto all’epoca portarono una ventata di novità in curva: nel 1989 furono i primi a distribuire una fanzine e si distinsero inoltre per una certa propensione agli scontri.

ultras-cremo-11La Curva Nord nel giugno 1984.

 

ultras-cremo-12Il mitico presidente della Cremonese.

 

Da segnalare nel 1990 la rottura dell’amicizia con la tifoseria sampdoriana. Nell’estate del 1992 l’esigenza sempre più pressante di creare un unico gruppo che trainasse la curva era ormai sentita da tutte le anime che popolavano la sud: Cucs e RK, assieme ad altri gruppi e/o sezioni satellite, decisero di confluire sotto un’unica sigla, mentre i Longobards andarono avanti per la loro strada non ostacolando il progetto e ri-denominandosi Old Longobards.

ultras-cremo-13Allo “Zini” contro la Juventus.

 

ultras-cremo-14A Brescia.

 

ultras-cremo-15Cremonese-Milan, 1982, campionato di serie B.

 

Dalla stagione 199-’93 si partì con questo nuovo assetto e il nome sotto il quale si riunirono i ragazzi esperti e le nuove leve fu quello di Sanitarium, denominazione tratta da una canzone dei Metallica, la cui traduzione letterale è “manicomio criminale”. Da questo mix di esperienza e gioventù scaturì la ri-esplosione del tifo cremonese; lavorando parecchio sugli aspetti organizzativi si riuscirono a toccare livelli numerici e coreografici di altissimo livello. L’entusiasmo tornò a contagiare la città e la provincia. Il Sanitarium visse intensamente i momenti d’oro della serie A, ma anche quelli più amari delle retrocessioni fino alla C1 del 1997. Lo spareggio del 1998 che li riportò in serie B fu l’ultima gioia gustata dal Joker prima dello scioglimento avvenuto l’anno successivo.

Da alcuni suoi ex appartenenti fu fondato un gruppo nel 1997, chiamato Vecchio Joker. I Sanitarium instaurarono un rapporto di amicizia con la tifoseria di Pavia e strinsero un gemellaggio con i ragazzi di Ravenna; per circa un anno furono affiancati dalla Vecchia Guardia e dal Kanker Group, oltre che supportati da gruppi di ragazzi della provincia quali Crema, Corte de’ Frati (Indipendenti), Castelverde (Erotica), Castelleone (Alcooligans), Pizzighettone (dietro lo striscione Nightmare, presente tutt’ora fin dal 1989), Casalmaggiore (dietro le insegne, ancora oggi presenti dal 1993, di Baraonda) e altri.

ultras-cremo-16Juventus-Cremonese, campionato 1989-’90.

 

ultras-cremo-17A Genova nel 1984.

 

ultras-cremo-18Cremonese-Palermo, stagione 1983-’84.

 

Da menzionare anche l’appoggio di una sezione grigiorossa di Torino. Terminata l’era del Joker il testimone fu raccolto da un gruppo di persone provenienti dall’esperienza maturata nel Sanitarium, che decisero di adottare la denominazione di Ultras Cremona. Era l’estate del 1999. Gli UCR, animati da buoni propositi, dovettero però subito fare i conti con una situazione generale molto delicata in quanto, oltre alle diverse problematiche legate alla situazione societaria, esordirono con un’imprevista quanto clamorosa retrocessione in C2. Questo insieme di situazioni fece sì che il loro primo anno fosse particolarmente travagliato, ma questo non scalfì l’attaccamento verso i colori grigiorossi, testimoniato ovunque. Una società ormai allo sbando e sull’orlo del fallimento ed una squadra composta sempre all’ultimo momento non demotivarono gli Ultras che arrivarono anche al punto di scendere in piazza del Comune per scongiurare l’ipotesi della cancellazione della società. La stagione 2001 fu per gli UCR da ricordare, in quanto la compattezza del gruppo emerse in tutta la sua espressione proprio in coincidenza del momento più buio mai vissuto dalla Cremonese. Il 2002, vede la nascita del NEP (Nucleo Ernesto Posa), dal nome di uno storico tifoso vissuto nella prima metà del secolo scorso. I fondatori furono un gruppo di trentenni per la maggior parte provenienti dai vecchi Sanitarium.

ultras-cremo-19Curva Nord, l’esultanza di Sauro Frutti nel 1982.

 

ultras-cremo-20Corteo a Modena.

 

ultras-cremo-211984,  la Curva Nord verso la serie A.

 

ultras-cremo-22A Como nel corso del campionato 1982-’83.

 

Come nella maggior parte delle realtà italiane anche a Cremona gli ultimi anni sono stati segnati dalle numerose difficoltà dovute ad una repressione sempre maggiore e da un disinnamoramento delle nuove leve verso il fascino dello stadio. La storia, quella vera, del tifo cremonese (e non solo, di esempi così ve ne sarebbero a bizzeffe da fare) si può dichiarare conclusa -almeno per la concezione pura del termine ultras- con lo scioglimento del Vecchio Joker 1997 e degli Ultras Cremona 1999. Crediamo quindi che non si debba aggiungere nulla di più di quanto troverete riportato qui sotto con i due comunicati di scioglimento dei gruppi storici sopra citati.

ultras-cremo-24Il tifo cremonese allo stadio “Moccagatta” di Alessandria.

 

COMUNICATO SCIOGLIMENTO VECCHIO JOKER 1997

ultras-cremo

Il gruppo Vecchio Joker 1997 comunica che in data 9/11/11, dopo una sofferta ma doverosa riunione, alle ore 23.25 ha deciso il proprio scioglimento.
Le cause che hanno portato a questa decisione sono bene o male le medesime che hanno portato allo scioglimento di molti altri gruppi in Italia nell’ultimo periodo e che vanno ricercate soprattutto nelle crescenti restrizioni allo stadio culminate con la famigerata tessera del tifoso che ha di fatto cancellato uno dei cardini dello spirito ultras: la trasferta.
Il gruppo ha sempre posto come condizione della propria esistenza la coerenza e per questo motivo nel momento in cui ci rendiamo conto che non è più possibile esprimere i valori e la mentalità che hanno da sempre contraddistinto il mondo ultras abbiamo deciso di chiudere qua la nostra avventura con l’orgoglio di chi non ha mai abbassato la testa e non si è mai piegato a provvedimenti e costrizioni che riteneva ingiuste e contrarie ai propri principi..
Ringraziamo di cuore tutte le persone che in questi anni hanno condiviso con noi momenti sia belli che brutti ma sicuramente indimenticabili, chi ha macinato con noi migliaia di chilometri ma anche chi ha semplicemente indossato qualcosa del nostro materiale e ci ha fatto i complimenti per una qualsiasi iniziativa facendoci capire l’apprezzamento nei nostri confronti.
Grazie anche agli altri gruppi della Curva coi quali abbiamo avuto a volte diversità di vedute ma coi quali abbiamo sempre confrontato idee e opinioni con l’unico medesimo fine che era quello di fare grande la nostra Curva Sud ed onorare al meglio la nostra città al fianco dell’US Cremonese.
Ci teniamo a sottolineare il nostro rispetto per chi se la sente ancora di lottare e per chi ha fatto e farà in futuro centinaia di chilometri senza poter entrare allo stadio ma è comunque determinato a “far presenza” ad ogni costo.
Chiudiamo affermando che se delle assurde leggi hanno fermato il nostro modo di agire non hanno però di certo intaccato il nostro modo di pensare: chi è ultras veramente lo è per sempre sia allo stadio che nella vita di tutti i giorni e questo non ce lo potrà mai togliere nessuno: SAREMO SEMPRE VECCHIO

JOKER!!!
VECCHIO JOKER 1997
CREMONA

 

COMUNICATO SCIOGLIMENTO ULTRAS CREMONA 1999

gli-ultras-cremo-3

Era l’estate 1999, quando con un comunicato dichiaravamo sciolto il GRUPPO SANITARIUM, e dalle ceneri di quel gruppo, pochi mesi dopo IVANO e pochi altri, si caricarono sulle spalle il gravoso compito di risollevare la curva, dando alla luce gli ULTRAS CREMONA 1999, quindi il primo pensiero corre a lui, corre verso IVANO, l’anima ULTRAS della nostra città, e al quale portiamo rispetto tutt’ora con… questo comunicato, certi che lui per primo, sarebbe stato d’accordo con questa scelta.
Non tireremo in ballo diffide, repressioni o tessere del tifoso, abbiamo ancora diversi di noi sotto daspo e alle prese con la giustizia, e sarebbe ridicolo dire loro, che non appenderemo più la nostra pezza, per questi motivi, la verità è che siamo sempre meno, e non ci và di portare avanti un nome cosi grande, che in 13 anni ha scritto una fetta importante e grande del tifo organizzato a Cremona, in 4 gatti.
Non è che una volta deposta la nostra pezza, portata in giro in tutti questi anni in tutti gli stadi dello stivale, ci si scioglie anche noi, tutt’altro, come UOMINI saremo sempre una spina nel fianco di chiunque cercherà di metterci da parte, e sarà nostro dovere farlo, non abbiamo dato aria alla bocca per niente e le istituzioni lo sanno benissimo di cosa parliamo, dai nostri raduni, alle nostre partecipazioni e alle ultime battaglie contro nominali, tornelli o tessere varie.
In questo gruppo siamo e siete passati in tanti, speriamo vi possiate ricordare di cosa avete fatto parte, che sciarpa avete indossato, in quante e quali iniziative avete avuto l’onore di collaborare o partecipare, dei tanti pullman o treni, dove avete deposto il vostro culo, delle mille torce accese, delle centinaia o migliaia di bombolette usate per segnare le tracce, di noi più vecchi, un pelo rompicoglioni, di tutte le volte in cui vi abbiamo cercato un euro per la coreografia, di ERMINIO FAVALLI, che riteniamo a dovere UNO DI NOI, consapevoli di non aver sempre avuto ragione nelle nostre scelte o azioni, ma del resto, quando ci si mette la faccia nella vita, ti prendi tutto, nel bene o nel male…e ia chiaro che a CREMONA non si chiude nulla, la curva è viva, e lo sarà forse anche di più da domani, se verrà recepita questa decisione.
Vi chiediamo però di continuare a mettere il nostro materiale, il gruppo non scompare con queste righe, eravamo, siamo e saremo vivi e vegeti, quasi tutti i componenti del gruppo resteranno in curva, nel settore centrale, per stare assieme ai ragazzi che come noi vivono di ideali, portate il materiale ULTRAS CREMONA, e fatelo con orgoglio, con lealtà e fierezza, noi ci siamo stati, ci siamo e ci saremo…e saremo il peggior incubo di calciatori corrotti, leggi maledette, allenatori indegni, ci saremo sempre dalla parte degli ultras….Cremona.

IVANO E ALEX presenti … ULTRAS CREMONA 1999

Guarda anche

Davide Ravan

Contributo

Fototifo Anni ’80 – ForumCommunity