Archivio della categoria: Le grandi sfide

Un’Alessandria concreta non sfigura davanti al Sassuolo

Sassuolo-Alessandria 1-0, l’occasione mancata da Akammadu (foto www.museogrigio.it)

Il Sassuolo, nell’amichevole al “Ricci”, supera l’Alessandria1-0: grazie alla rete di Berardi al 40′ del primo tempo. La prima azione della gara è dei Grigi, ma la conclusione dalla distanza di Sartore termina fuori di molto.

L’undici alessandrino schierato al “Ricci” di Sassuolo (foto www.museogrigio.it)

I neroverdi rispondono con Berardi che ci prova in acrobazia: nulla di fatto. A metà primo tempo due grandi occasioni, una per parte: prima la traversa di Boga, poi Akammadu, che calcia sull’esterno della rete dopo aver superato Consigli.

Sassuolo-Alessandria 1-0: ancora una fase del primo tempo (foto www.museogrigio.it)

Alla mezz’ora è Caputo a calciare alto da due passi. A 5′ dal dal riposo il Sassuolo sblocca grazie al diagonale di Berardi dopo una giocata da applausi dello stesso Caputo, 1-0.

Sassuolo-Alessandria 1-0: un’uscita del portiere dei Grigi (foto www.museogrigio.it)

Guarda la gallery fotografica

Il primo tempo si chiude con i ragazzi di De Zerbiavanti. Nella ripresa l’Alessandria cambia l’intera formazione, mentre i neroverdi inseriscono
solo Gravillon e Brignola al posto di Marlon e Berardi. Nessuna occasione degna di nota fino al 60′, quando ci prova Boga: Marietta mette in angolo.

Sassuolo-Alessandria 1-0: uno scatto in avanti di Adjapong (www.museogrigio.it)

A venti minuti dal termine De Zerbi mischia le carte. Dentro Pegolo, Adjapong, Peluso, Tripaldelli, Raspadori e Matri rispettivamente per Consigli, Toljan, Ferrari, Rogerio, Boga e Caputo. Non succede più nulla, il Sassuolo conduce il risultato fino al termine e chiude con un’altra vittoria.

https://www.facebook.com/watch/?v=2430851273644027

Il tabellino

Sassuolo-Alessandria 1-0 (1-0)

Marcatori: 40′ Berardi

SassuoloLeggi >

Il Monza elimina l’Alessandria davanti a Berlusconi

Monza-Alessandria 2-0: Andrea Cambiaso (foto www.museogrigio.it)

Il Monza nel primo turno di Coppa Italia TIM vince 2-0 contro l’Alessandria e accede al turno successivo. I brianzoli, al secondo turno, troveranno il Benevento di Pippo Inzaghi.

Monza-Alessandria 2-0: Ćazim Suljić (foto www.museogrigio.it)

A decidere l’incontro al Brianteo le reti di Simone Iocolano e Andrea Brighenti, entrambe realizzate nel primo tempo. Soddisfatto il patron Silvio Berlusconi che tornava al Brianteo dopo quasi un anno.

Guarda la galleria fotografica

Il Monza ha gestito al meglio la partita senza particolari patemi. Nella ripresa, a parte qualche piccolo sussulto dei Grigi di Mister Cristiano Scazzola verso la porta di Lamanna, il Monza è riuscito a contenere l’Alessandria .

Monza-Alessandria 2-0: Mister Cristiano Scazzola in sala-stampa (foto www.museogrigio.it)

Così il Mister dei Grigi Cristiano Scazzola, al termine delll’incontro: “Oggi avevamo a disposizione un solo attaccante di ruolo, Akammadu, e un’età media molto bassa. Ma sono convinto che quando saremo al completo, se la mentalità è quella che vedo negli allenamenti e che si è vista anche oggi, potremo fare bene. I cross sono arrivati, ma a differenza del Monza non siamo riusciti a trasformarli in gol: serve un pizzico di cattiveria in più e degli attaccanti di ruolo. Akammadu è un classe ’98, ha ancora margini di miglioramento, ma deve crescere in fretta, perché fra pochi giorni inizia il campionato“.

Il tabellino

Monza-Alessandria 2-0, capitan Alessandro Gazzi (foto www.museogrigio.it)

MONZA-ALESSANDRIA 2-0 (2-0)

Marcatori: 6′ Iocolano (M) 33′ Brighenti (M)

MONZA (4-3-1-2): Lamanna; … Leggi >

Quella volta che i Grigi espugnarono Monza in Coppa Italia

L’Alessandria 1959-’60, edizioni Lampo

Il 6 settembre 1959 si giocò il primo turno di Coppa Italia, edizione 1959-60. Per la prima volta parteciparono solamente le formazioni di Serie A e B a causa della creazione della Lega Nazionale di C.  La formula rimase ad eliminazione diretta. Alla giornata inaugurale presero parte le 18 squadre cadette e 10 di Serie A abbinate con criteri di vicinanza geografica. 

Una “rosa” del Simmenthal Monza

All’Alessandria toccò il Simmenthal Monza, formazione di B abbinata alla nota azienda di carne in scatola (il cui proprietario, Sada, era anche presidente della squadra). Teatro della sfida il Città di Monza, stadio poi intitolato allo stesso Sada. Alle 16,30 di una domenica soleggiata, agli ordini dell’arbitro De Marchi scendono in campo le seguenti formazioni:

Monza: Covacich, Copreni, Grassi, Frascoli, Tellini, Dalio, Brambilla, Fraschini, Carminati, Gagliano, Mattavelli. All.: Kossovel Attilio.

Alessandria: Stefani, Boniardi, Giacomazzi, Forin, Pedroni, Girardo, Oldani, Filini, Maccaccaro, Migliavacca, Tacchi. All.: Pedroni Franco – Robotti Luciano.

Sul Corriere dei Piccoli

L’Alessandria parte favorita ma la partita la fa il Monza, almeno nelle battute iniziali.  A metà del primo tempo si infortuna ad una mano il portiere grigio Stefani sostituito (in Coppa Italia era consentito un cambio) dal giovane Arbizzani, che sarà protagonista della gara con le sue parate

Secondo Giulio Accatino, inviato de La Stampadi questo ragazzo, pescato in tutta segretezza a Bondeno (IV Serie) per la modica cifra di un milione e mezzo, si potrebbe senz’altro usare la parola rivelazione: prontissimo Leggi >

L’Alessandria e la Coppa Italia

Un’istantanea della finalissima tra Alessandria e Torino

La Coppa Italia nacque nel 1922, anno della scissione del calcio italiano, ebbe svolgimento regolare ma con la partecipazione delle squadre minori, visto che le “grandi” avevano aderito alla C.C.I.  Vinse il Vado di Virgilio Levratto.  Si riprovò nel 1926-’27,  ma non si arrivò alla fine: per mancanza di date utili il torneo venne prima sospeso e poi annullato. I Grigi quell’anno giocarono una partita contro l’AC Bologna, squadra minore del capoluogo emiliano e vinsero 17-2.  Nel turno successivo avrebbero dovuto affrontare il Bologna “vero”. In quella partita, che tuttora primato italiano in fatto di segnature nei tornei maggiori, mattatore fu Renato Cattaneo autore di otto reti.

Torino-Alessandria 5-1

Risorto nel 1935-’36 il torneo si svolse ad eliminazione diretta in gara secca ed eventuale ripetizione sul campo dell’altra squadra. In quell’anno l’Alessandria vinse nei Sedicesimi di finale a Cremona 4-1, battè 4-0 il Modena, poi 1-0 Lazio e Milan, approdando alla finalissima di Genova contro il Torino. I granata, dopo una prima fase di equilibrio con Riccardi che pareggiò la rete iniziale di Galli, surclassarono i Grigi (5-1 il punteggio finale) ed iscrissero il loro nome nell’Albo d’Oro del torneo. L’anno dopo, i Grigi vennero battuti subito dal Milan che vendicò lo smacco dell’anno precedente. Nel 1937-’38 persero negli ottavi di finale contro la Juventus a Torino, poi una lunga fila di eliminazioni nelle partite iniziali: 0-1 a Savona (1939-’40) 1-3 a Brescia (1940-’41), 0-4 a Bologna … Leggi >

Il 4 agosto con Monza-Alessandria scatta la 73a edizione della Coppa Italia-TIM Cup

Spezia-Alessandria 1-2, i Grigi di Gregucci sono in semifinale

Per i Grigi si tratta della trentunesima partecipazione a questa competizione, sesta consecutiva. Per essere una squadra di provincia che staziona ormai da troppi anni in Serie C il palmares dell’Alessandria è di tutto rispetto: una finale ed una semifinale raggiunte. 

Così il celebre “Calcio Illustrato” raccontà quella finale dei Grigi.

La finalissima persa contro il Torino nel 1936 è il punto più alto raggiunto ma nella memoria collettiva è rimasta la straordinaria cavalcata del 2016 finita con l’esodo biblico dei tifosi grigi a Torino e Milano. In totale l’Alessandria ha nel suo ruolino di marcia 61 partite giocate. Sono 24 le vittorie a cui si contrappongono 32 sconfitte; 100 i gol segnati, 110 quelli subiti.

Il bilancio in trasferta racconta 32 partite in trasferta con 9 vinte e 21 perse; solo 34 reti fatte 75 incassate. Quattordici volte l’Alessandria è uscita subito al primo turno; in due casi questo rappresentato da gironcini eliminatori.

La storica semifinale dei Grigi contro il Milan

Tra il 1926 e il 2018 ha affrontato 40 squadre diverse.  Di esse la più … fedele è il Milan incrociato cinque volte in Coppa Italia e unico protagonista delle semifinali (battuto nel 1936, vincitore nel 2016).  Quattro successi rossoneri ed uno grigio. 

Un’altra serata entrata nella storia dell’Alessandria, quella di “Marassi” contro il genoa

Dopo il Milan c’è il Genoa affrontato 4 volte, Juventus, Novara, Pro Vercelli e Sampdoria 3 e via via tutte le altre.  … Leggi >