Archivio della categoria: Racconti da Grigi

Grigi, la rimonta è possibile

La gioia per la vittoria di Vercelli (foto © Ivan Benedetto)

L’Alessandria non può darsi per vinta in ottica promozione: la partita di Vercelli è stata una schiarita importante per la compagine di Mister Moreno Longo che vuole decollare. Una volta per tutte. L’Alessandria alla vigilia dell’inizio di campionato era la grande favorita del girone, grazie al parco-giocatori, per i soldi spesi dopo il ritrovato e rinnovato entusiasmo del presidente Luca Di Masi. Ma le cose non sono andate diversamente, come ben sappiamo, via Angelo Gregucci e dentro Longo.

Mister Moreno Longo (foto © Ivan Benedetto)

Sono stati tanti i giorni dell’amarezza a fare da padroni tra i sentimenti dei giocatori,  che hanno condizionato enormemente l’andamento di incontri che avrebbero dovuto essere vinti, non pareggiati e men che meno persi.  Per Longo c’è un progetto ad ampio respiro – ce lo ricorda ogni volta –  ma si è rafforzata ancor di più l’idea che questa squadra debba ritornare a lottare o per la promozione diretta  o attraverso i playoff. La Serie B è infatti un obiettivo dichiarato dal presidente Di Masi; in fin dei conti l’Alessandria ha 56 punti e – vincendo contro la Lucchese – rimarrebbe a sole tre lunghezze dal Como, anche se i lariani hanno pi una gara da recuperare contro l’Olbia.

La grande responsabilità dei Grigi che scendono in campo (foto © Mario Bocchio)

Gli intrecci lasciano più di una porta aperta, visto che alla penultima giornata ci sarà lo scontro diretto: inseguendo l’Alessandria è nella … Leggi >

Ciao Bamba! Ci salutiamo così

Nando Gorrino ai tempi dell’Albese

Ieri, martedì 9 febbraio, a causa di un malore, è improvvisamente scomparso ad Alba Fernando (per tutti Nando) Gorrino, ex calciatore grigio. Nato ad Alessandria il 3 aprile 1947 e cresciuto nel vivaio dell’Orso, aveva esordito in Serie B il 13 giugno 1965 nella partita persa a Trieste per 3-1. L’allora mister Aristide Coscia lo aveva schierato nel ruolo di interno destro. Nella stessa gara fecero la prima apparizione anche lo sfortunato centravanti Luciano Eco ed il portiere Marcello Violo.

I Grigi 1963-’64. Tutta la rosa in ritiro a Salice Terme. In piedi da sinistra: Vitali, Mognon, Rapetti, Carlini, Melideo, Nobili, Oldani, Bettini Renzo, Di Cristoforo, Soncini, Migliavacca. In basso da sinistra: Sogliano, Poppi, Violo, Ragonesi, Cocito, Drago, Sala, Stradella, Gorrino, Sacchi, Cardillo

Gorrino, detto Bamba per la sua andatura caracollante, rimase ai Grigi per altre due stagioni giocando altre nove partite tra i cadetti.  Ceduto alla Mestrina dopo la retrocessione dei Grigi in C, passò poi al Legnano.

La rimpatriata di ex giocatori dell’Alessandria promossa da Museo Grigio. Nella foto si riconoscono Santino Ciceri, Ciccio Marescalco, Nando Gorrino, Gigi Manueli, Sergio Notarnicola, Anselmo Giorcelli, Mario Bocchio, Arrigo Dolso e Toni Colombo

La parte più importante della sua carriera la trascorse all’Albese dove fu il protagonista della splendida stagione che culminò con la promozione in Serie C. Si stabilì ad Alba, insegnò in un istituto professionale e si dedicò all’allevamento dei giovani calciatori lavorando per un ventennio nella stessa Albese e in altre società … Leggi >

Grigi, 49 presidenti in 109 anni di vita. Luca Di Masi il più vincente degli ultimi quaranta

Il 3 febbraio 2013 allo stadio “Grotta di Polifemo” di Milazzo si affaccia sulla scena un giovane imprenditore dal volto fanciullesco e dalle idee chiare. Viene da Torino e ha sempre nutrito una passione per i colori Grigi, tanto da mischiarsi agli ultras per gridare in curva. È Luca Di Masi. Tre anni dopo porta addirittura l’Alessandria alla storica semifinale di Tim Cup contro il Milan. Non solo ha garantito la sopravvivenza del club in un momento difficile, ma – forte di programmi seri e imprenditoriali – l’Alessandria economicamente è tornata solidissima e ha potuto veicolare la propria immagine addirittura in tutto il mondo grazie alle imprese di Bocalon e compagni nelle splendide notti di Coppa.

Come ci ricorda il nostro statistico Sergio Giovanelli, i risultati conseguiti dall’Alessandria del presidente Di Masi sono, al netto delle delusioni patite, i migliori in assoluto negli ultimi quarant’ anni. Una storica semifinale di Coppa Italia, la vittoria nella Coppa di Serie C, un secondo posto a pari punti dal primo e una finale dei play-off saranno, nelle storie che verranno scritte fra qualche anno ricordate come stagioni vincenti. Del resto, partendo dal giorno successivo al disgraziato spareggio di Milano con la Reggiana che costò la retrocessione in C, i migliori piazzamenti finali in campionato sono: un secondo posto, due terzi, un quarto, un quinto, un sesto ed un settimo posto: gli unici “intrusi” sono il terzo posto agguantato con Sarri nel 2011 (non considerando la successiva relegazione … Leggi >

Le 100 in Grigio di Gazzi

Alessandro Gazzi contro il Como (foto © Mario Bocchio)

Alessandro Gazzi nel recupero di mercoledì 20 gennaio 2021, perso con il Como, ha indossato la centesima maglia grigia della sua carriera. Il forte centrocampista cadorino è arrivato ad Alessandria nel 2017 proveniente dal Palermo. Ha esordito nella prima partita del campionato 2017-’18: Pontedera-Alessandria giocata allo stadio Mannucci di Pontedera il 27 agosto 2017. L’allenatore di allora, Cristian Stellini, lo sostituì con un attaccante, Bunino, al 65’, poco dopo che Pesenti aveva portato in vantaggio i padroni di casa. La partita terminò 1-1 grazie alla rete di Gonzalez a pochi minuti dal termine della gara.

Gazzi con la fascia di capitano (foto © Mario Bocchio)

Dopo di allora Gazzi, praticamente sempre in campo, costruì una diga a centrocampo e la sua presenza e sempre stata un punto di forza – e di debolezza la sua assenza – della squadra mandrogna. Sono così arrivate le 100 partite della quali 84 in campionato e 4 di playoff; ne ha totalizzate 12 in Coppa Italia, 4 in quella maggiore e 8 nel trofeo di categoria, compreso quello vinto nel 2018. Chi mette in campo Gazzi non lo fa certo perché si aspetta delle reti da lui: ne ha segnate 10 in tutta la sua carriera. Veramente con l’Alessandria un gol lo ha fatto anche se nella porta sbagliata. Una sua sfortunata deviazione ruppe l’equilibrio nella partita di playoff giocata a Vercelli il 12 maggio 2019; si era sull’1-1 e quell’autorete precluse … Leggi >

Due rigori sbagliati. Non è stata la prima volta

Il secondo rigore sbagliatio dalla Pergolettese (foto Us Pergolettese 1932)

I due rigori sbagliati dalla Pergolettese nella partita con l’Alessandria non rappresentano certo un record assoluto ma sono un evento non frequentissimo nel calcio. Per quanto riguarda i Grigi la ricerca di un precedente non ci ha fatto fare molta strada. L’ultima volta, infatti, risale al 21 aprile 2018, partita di Grosseto contro il Gavorrano. La curiosità consiste, semmai, nell’andamento molto simile tra le due partite. Confrontiamole. La sfida di Grosseto è cominciata al 32’ del primo tempo con il calcio di rigore concesso per l’atterramento di un giocatore toscano da parte di Lovric. Sul dischetto va Damonte e sbaglia tirando a due metri dai pali. La partita di Crema decolla con il calcio di rigore parato da Pisseri per fallo di mano di Di Quinzio dopo 6 minuti. Al 60’ i gol: di Bellazzini allo Zecchini, di Suljic al Voltini.

Uno dei due rigori falliti dal Gavorrano con l’Alessandria

Al 68’ il secondo rigore di Crema originato dal fallo di mano di Cosenza e spedito a lato da Panatti.Al 69’ penalty per il Gavorrano per fallo di mano di Barlocco. Vitiello si fa parare il tiro da Pop. La sequenza degli eventi (rigore, gol, rigore) è uguale, identico il minuto della marcatura, un rigore parato ed uno fuori nelle due partite. Soprattutto identico il risultato finale dell’incontro: vittoria dei Grigi in campo avverso per 1-0

Sergio GiovanelliLeggi >