Carrera, dalla maglia grigia alla corte dello Zar

Carrera e Conte

 

Che Massimo Carrera non avrebbe fatto parte del nuovo Chelsea di Antonio Conte, era cosa ormai risaputa. E no, neanche dello staff del nuovo ct della Nazionale Ventura. Dunque, quale futuro? Dopo gli Europei, l’ex giocatore grigio è sbarcato in Russia.

Ecco: precisamente allo Spartak Mosca, dove all’inizio ha assunto il ruolo di collaboratore di Dmitry Alenichev (foto sotto), ex calciatore della Roma.

2016/2017 UEFA Europa League qualifiers: Spartak Moscow vs AEK Larnaca (2nd leg)

Poi il colpo di scena a Mosca con lo Spartak che ha esonerato lo stesso Alenichev dopo la sconfitta nel preliminare di Europa League con i ciprioti dell’Aek Larnaca che ha determinato l’eliminazione dalla competizione continentale della squadra russa. Nel comunicato del club si parla di dimissioni, ma in Russia sono sicuri che la proprietà abbia spinto il tecnico a fare un passo indietro dopo il clamoroso addio all’Europa League. La scorsa stagione, lo Spartak era arrivato quinto con Alenichev in panchina che da calciatore in Italia ha vestito anche la maglia Perugia.In Nazionale

Carrera (nell’immagine a fianco con la Nazionale)  per ora è lui l’allenatore del prestigioso club moscovita: sarà fondamentale nello sviluppo della fase difensiva, e potrà lavorare anche con l’italianissimo calciatore Salvatore Bocchetti.

Una volta conclusa l’esperienza in Nazionale, Conte e Carrera – che sono da sempre legati da una fortissima amicizia – si sono dunque separati: sono stati insieme negli anni ’90 come calciatori nella Juve, e dal 2011 nelle loro nuove vesti di tecnici: chissà che un giorno possano tornare ad incontrarsi le loro strade…

Mario Bocchio

Guarda anche

Ad Alessandria quanti avrebbero scommesso su Massimo Carrera?