L’Alessandria beffa il Pavia nel recupero e vince 2-1

Alessandria-Pavia_22_11_2015 (68)

 

Deludente il primo tempo dei Grigi. Il Pavia era andato in vantaggio al 29′ con Marino, poi il recupero di una squadra apparsa completamente trasformata e incitata in maniera esemplare dalla Curva Nord.

Alessandria-Pavia_22_11_2015 (24)

Pavia beffato ad Alessandria al 92′. Una doppietta di Bocalon rilancia i Grigi. La formazione di Marcolini era passata in vantaggio con un gol di Marino nel primo tempo.

Alessandria-Pavia_22_11_2015 (47)

Con questo risultato negativo il Pavia resta comunque secondo il classifica: davanti il Cittadella con 23 punti, poi  Pavia, Feralpisalò e Alessandria a pari merito con 21 punti.

Alessandria-Pavia_22_11_2015 (31)

A Cittadella, a 30 secondi della fine, l’Alessandria aveva perso la partita, questa volta, quasi allo stesso minuto, ha realizzato il gol della vittoria. Nonostante le difficoltà soprattutto nel primo tempo, la squadra ha cercato di mettere sul campo molto agonismo, atteggiamenti buoni, comportamenti corretti, in particolare nella ripresa.
Come sempre è lucida e onesta l’analisi di Mister Gregucci: “Nel primo tempo, con il nostro passo, abbiamo faticato un po’ ad andare a prendere il quinto del Pavia. Abbiamo rischiato perché abbiamo subito qualche ‘1 contro 1’ di troppo, alcuni anche pericolosi. Però siamo stati bravi a restare sempre in partita. Tre punti sofferti, ma buoni, ottimi per il nostro cammino”.

 

Alessandria-Pavia_22_11_2015 (78)

Certamente ci sono ancora ampi margini di miglioramento, soprattutto sotto il profilo tattico, anche sotto porta.
Ancora Gregucci: “Già nel primo tempo abbiamo costruito qualcosa di buono, il secondo tempo è stato in gestione, con la squadra che è rimasta corta. Questa partita, e la nostra prestazione, sono l’esempio lampante che non conta con quanti attaccanti si gioca, anche con sei. Quello che conta è interpretare bene, quando si ha la palla e quando, invece, la palla l’hanno gli altri. Se anche quando non ha palla, la squadra riconosce certe situazioni e le sviluppa, può andare a fare bene”.
Inserire Iunco con le tre punte, però, è stato un segnale chiaro.

Alessandria-Pavia_22_11_2015 (71)

Alessandria-Pavia_22_11_2015 (79)

La vittoria contro il Pavia, in una gara che per la storica rivalità tra le due squadre la possiamo considerare “un quasi derby”, consegna un messaggio importante al campionato, come ha voluto evidenziare il presidente Luca Di Masi, che al fischio finale si è catapultato sotto la Nord: “C’è anche l’Alessandria. Ci siamo anche noi. Prepotentemente”.

Alessandria-Pavia_22_11_2015 (103)

In sala stampa

 

La sfida del tifo

Alessandria-Pavia_22_11_2015 (1)

Alessandria-Pavia_22_11_2015 (13)

Alessandria-Pavia_22_11_2015 (15)

Alessandria-Pavia_22_11_2015 (69)

Alessandria-Pavia_22_11_2015 (91)

Alessandria-Pavia_22_11_2015 (107)

Alessandria-Pavia_22_11_2015 (113)

 

Il tabellino

Alessandria: Vannucchi, Celjak (dal 46′ Iunco), Sabato Roberto, Mezavilla (VC), Morero (C), Sirri, Vitofrancesco, Branca, Bocalon, Fischnaller (dal 76′ Manfrin), Marconi (dal 68′ Loviso).
A disposizione: Varesio, Picone, Terigi, Manfrin, Loviso, Cittadino, Iunco, Principe, Benech, Sabbioni. All.: Angelo Gregucci.

Pavia: Facchin (C), Abbate, Malomo, Carraro (dal 66′ Del Sante), Marino, Siniscalchi, Marchi A., Cristini M., Ferretti (VC, dal 68′ Del Sante), Cesarini, Bellazzini.
A disposizione: Fiory, Cristini, Sabato Rocco, Biasi, Martin, Cardin, Pavan, La Camera, Marchi M., Del Sante, Anastasia, Grbac. All.: Michele Marcolini.

Arbitro:  Emanuele Mancini di Fermo.

Reti: 29′ Marino (P), 56′ Bocalon (A), 92′ Bocalon (A).

Ammoniti: 39′ Sirri (A), 49′ Carraro (P), 74′ Sabato (A), 81′ Iunco (A), 87’Mezavilla (A), 87′ Bellazzini (P), 94′ Bocalon (A), 94′ Abbate (P).

Calci d’angolo: 4-4.

Recupero: 5′ nel secondo tempo.

Spettatori: paganti 1.561; abbonati 1.131.

I risultati e la classifica del girone A della Lega Pro (cliccare)

 

Articoli correlati

Quella contro il Pavia è ormai una classica

Mario Bocchio