I diari di Sergio Rampini

Una caricatura dell’epoca di Sergio Rampini, soprannominato “L’acrobata”
(archivio www.museogrigio.it)

Negli anni Settanta Sergio Rampini diventa allenatore delle giovanili dell’ Alessandria e, appassionato di disegno, crea questi autentici cimeli che il nipote Alex , grandissimo tifoso grigio, decide di donare a Museo Grigio. Quaderni e diari scritti e disegnati da Sergio, con schede personali dei giocatori, allenamenti da fare, statistiche e tanto altro…

Una bellisima copertina di un quaderno, con tanto di Orso e Orsacchiotto

In uno di questi quaderni ci sono la dedica ai ragazzi, il commento sulla stagione finita con consigli umani e la sua firma. Fu sicuramente realizzato come regalo di fine campionato per ognuno dei suoi giocatori.

Dedica con firma

Da calciatore grigio, Rampini visse la sua stagione più importante ad Alessandria nel campionato Misto B-C 1945-‘46.

… Riprende l’attività calcistica regolare ma il Paese è ancora distrutto: problemi di comunicazione e trasporti precari rendono complicatissimi gli spostamenti. Per questa ragione i vertici federali decidono di mescolare le carte. Al Nord le squadre aventi diritto alla Serie A giocano un torneo; al Centro-Sud analogo torneo composto dalle squadre di A e B con girone finale per il titolo.

Nelle regioni settentrionali si gioca anche un torneo misto di Serie B e C destinata a promuovere in Serie A la migliore. Nei tre gironi eliminatori prevalgono Alessandria e Vigevano (A), Cremonese e Pro Patria (B), Padova e Reggiana (C). Nel raggruppamento finale l’Alessandria prevale con autorità e rientra trionfalmente in Serie A.

La massima serie l’anno successivo tornerà a girone unico con le 13 squadre del Nord (tra cui la Sampdoria, appena nata dalla fusione tra Sampierdarenese ed Andrea Doria), le quattro del Centro-Sud aventi diritto, Napoli e Bari entrate nel girone finale ed Alessandria. Sergio fu l’ eroe della partita decisiva per la promozione e il ritorno dei Grigi in Serie A, Alessandria – Reggiana 5-0 con due suoi goal, giocata il 7 Luglio 1946.

Ciro Cassaneti