Archivio mensile:ottobre 2018

Ben quattro gare rinviate nella giornata in cui vince il Cuneo e arriva il primo punto per l’Albissola. JuveU23 ko a Lucca

 

Con più di una ventina di partite da recuperare il Girone A di Serie C prosegue nel modo più surreale: quatto le gare rinviate valevoli per la nona giornata di campionato e con il derby Pontedera-Carrarese in programma nel posticipo del lunedì.

Due le squadre che raccolgono l’intera posta in palio, il Cuneo e la Lucchese. I piemontesi vincono col minimo scarto la sfida con l’Arzachena (foto sopra, La Stampa) e, nonostante qualche problema attinente a stipendi non pagati (il club ha garantito di sistemare tutto entro fine mese, anche se ciò non eviterebbe alcuni punti di penalizzazione), salgono momentaneamente al sesto posto. Per gli uomini di Scazzola si tratta del quinto risultato utile di fila e a segnare il gol da tre punti è il gambiano di proprietà del ChevoVerona Yusupha Bobb.

Le Pantere di Lucca, invece, hanno la meglio sulla Juventus U23 (foto sopra, Gazzetta Lucchese), approfittando anche di una difesa, quella bianconera, che fa acqua da tutte le parti. La prima frazione è tutta dei rossoneri che sbloccano l’incontro con uno scatenato De Feo, autore di una doppietta. Del Favero tiene in vita i suoi con un paio di splendidi interventi e la Juventus accorcia le distanze prima di subire la terza rete; poi, Mavididi riapre il match, ma è troppo tardi per riuscire a rimontare.

Tre i pareggi di giornata. L’Albissola conquista il primo punto (il secondo stagionale) con Bellucci in panchina: è 1-1 contro la Pro Leggi >

Santini segna il suo primo gol in maglia grigia, ma l’Alessandria non va oltre il pari

 

Sulla carta avrebbe potuto essere una vittoria, ma si è rivelata una partita molto combattuta, con un Gozzano che si è chiuso a riccio in difesa per poi colpire in contropiede.

Mister D’Agostino è comunque soddisfatto della prestazione dei suoi, sottolineanendo “la costante crescita del gruppo”, e la positività di una squadra che – sebbene ridotta in dieci – “ha tentato sino alla fine di vincere”.

A passare in vantaggio al 12′ del primo tempo è stato il Gozzano con Palazzolo, ma nel secondo è stato raggiunto dal gol di Santini.

Guarda a gallery fotografica

L’Alessandria all’80 è rimasta in dieci uomini a causa dell’espulsione di De Luca.

In sala stampa

 

Il tabellino

Alessandria-Gozzano 1-1 (0-1)

Alessandria: 22 Cucchietti, 3 Agostinone, 7 Santini (43’st Talamo), 8 Gatto, 9 De luca, 10 Maltese (12’st Bellazzini), 11 Sartore, 14 Sbampato ((12’st Gjura), 19 Badan (39’st Fissore) , 24 Gazzi (C), 28 Prestia. A disposizione: 1 Pop, 5 Zogkos, 6 Delvino, 13 Gerace, 17 Usel, 23 Panizzi, 27 Cottarelli, 30 Rocco. All. Gaetano D’Agostino.

Gozzano: 33 Casadei, 6 Emiliano (C), 11 Palazzolo (41’st Carletti), 15 Graziano, 19 Rolando, 20 Tumminelli, 22 Tordini, 23 Bini, 25 Grossi (22’st Gemelli), 26 Evan’s (22’st Mané), 29 Libertazzi (12’pt Rolfini). A disposizione: 34 Brugnoni, 35 Giuliani, 8 Romeo, 14 Salvestroni, 16 Acunzo, 17 Bruzzaniti, 24 Rizzo, 30 Secondo. All. Antonio Soda.

Arbitro: Donda di Cormons

Reti: pt 12′ Palazzolo (G); st 13′ Santini (A)

Ammoniti: Tordini … Leggi >

“L’Orso in diretta”, guarda la replica della puntata di giovedì 25 ottobre 2018

In diretta su RVS Web! e in radiovisione sulle pagine Facebook di Radio Voce Spazio e di Museo Grigio.

Ospite il giocatore dell’ Alessandria Calcio  Nicola Talamo e tanti altri importanti contributi alla vigilia della partita di campionato tra i Grigi e il Gozzano Calcio.

Per Il Nobile Calcio di Provincia ampio speciale dedicato allo storico Quadrilatero Piemontese.

Riguarda il video podcast in HD dal nostro canale youtube di RVS:

Federico PieriLeggi >

Gozzano, due soli precedenti in Eccellenza

 

La scarsa propensione italica allo studio della storia fa sì che la sua nascita sia avvolta nel mistero. Come Juventus Gozzano si affilia alla Figc il 16 giugno 1924, data che viene considerata come giorno di inizio della vicenda calcistica gozzanese, ma è nota l’esistenza di altre formazioni risalenti addirittura prima del 1920 con l’estemporanea partecipazione al torneo locale di Terza Categoria 1921-’22, la stagione della scissione.

Il marchese Alfredo “Fredy” d’Albertas, vero e proprio mecenate del calcio a Gozzano.

 

La prima partecipazione ad un campionato federale risale al 1937-’38 e dura fino allo scoppio della guerra. Dal 1945 al 1962 i rossoblu navigano nelle categorie minori. Una crisi societaria produce un’altra interruzione durata fino al 1967. Ciò avvenne perché il presidente Alfredo d’Albertas, dopo quasi vent’anni di conduzione si disimpegnò dalla società non trovando un sostituto. Tornata la voglia fu lo stesso d’Albertas a guidare i cusiani nella nuova avventura partendo dalla Terza Categoria. Il marchese rimase alla presidenza fino al 1979 e dal 1994 il campo di Gozzano, attualmente chiuso per adeguarlo agli standard della Lega Pro, porta il suo nome. Arrivano in Serie D ed alla sesta stagione vincono trionfalmente il girone entrando in Lega Pro.

L’argentino Evaristo Barrera, tra i giocatori più rappresentativi del Gozzano negli anni 1950.

 

L’Eccellenza ha rappresentato l’unica occasione di incontro con l’Alessandria. I Grigi, reduci dal fallimento e dalla prima stagione della Nuova Alessandria, hanno ripreso denominazione e colori apprestandosi a alla … Leggi >