Archivio mensile:gennaio 2018

Blanchard lascia il Carpi e vola ad Alessandria

 

La Serie C sarà la nuova casa di Leonardo Blanchard che ha accettato la proposta dell’Alessandria. Trasferimento in prestito nel club piemontese per il giocatore che nel suo passato vanta una stagione in Serie A con la maglia del Frosinone. Difensore centrale,  29 anni, da inizio stagione si allenava a parte essendo a Carpi ma fuori lista.

Questa la comunicazione del club grigio: “L’Alessandria Calcio è lieta di comunicare l’arrivo di Leonardo Blanchard, con la formula del prestito temporaneo fino al 30 giugno 2018 dal Carpi”.

 Genesi dello storico gol alla Juve

Si chiama Leonardo Blanchard – un difensore e, al contrario di quanto possiate pensare, italiano, per la precisione, di Grosseto. Ha contribuito a scolpire il suo nome nell storia del calcio italiano, grazie al gol al 92′ allo Juventus Stadium che ha regalato il primo punto in campionato alla squadra laziale, e di conseguenza ha gettato nella malinconia moltissimi tifosi juventini.

A gioire, invece, sono stati tutti i tifosi del Frosinone, quelli che gufavano contro i bianconeri e anche una buona parte di Grosseto, da dove Blanchard viene. Il nonno paterno era infatti un francese, ma lui, Leonardo Blanchard, è un grossetano puro, che ha fatto più di una gavetta, giocando col Frosinone dalla Lega Pro fino alla Serie A.

Una rivincita in pieno, visto che la squadra del Grosseto a suo tempo lo snobbò. Dalle giovanili del Siena al Poggibonsi al San Gimignano, fino per l’appunto al Frosinone. E col Frosinone conquista in pochi anni la Leggi >

Lovric passa in prestito all’Alessandria

 

Il difensore croato classe 1996 Dragan Lovric è un giocatore dell’Alessandria. Il club grigio ha annunciato l’arrivo del giocatore, a titolo temporaneo dal Catania: “L’Alessandria Calcio comunica l’ingaggio con la formula del trasferimento temporaneo con diritto di riscatto del difensore Dragan Lovric. Lovric, classe 1996, croato, 1.91 m x 82 kg, arriva dal Catania che lo ha prelevato dall’Hnk Gorica”.

Nella stagione in corso, in maglia rossazzurra, il difensore croato ha sommato tre presenze, due in campionato ed una in Coppa Italia Serie C.

Chi è Lovric

Cresciuto nelle giovanili del Catania, che lo ha accolto in Italia grazie al contributo determinante del dirigente Christian Argurio, il difensore Lovric ha proseguito la carriera tra le fila dell’Akragas trovando però pochissimo spazio, causa infortunio.

Una volta risolto il contratto che lo legava ancora al Catania, un club di Serie A ha assunto la decisione di attribuire fiducia al ragazzo. Si è trattato dell’Empoli, che lo aveva accolto nella formazione Primavera.

La foto di Lovric con la maglia grigia è tratta dal sito ufficiale dell’Alessandria Calcio.
Leggi >

I gol di Chinellato per lanciare in alto l’Alessandria

 

È da poco stato perfezionato il trasferimento dell’attaccante Matteo Chinellato all’Alessandria Calcio. Il giocatore è stato trasferito a titolo temporaneo fino al 30 giugno 2018, con opzione di riscatto da parte del club piemontese. Ecco le sue prime parole diffuse dal club grigio: “Non ci ho pensato due volte a venire qui, ringrazio la fiducia e sono contento di far parte di questo club. Sono una prima punta d’area e anche di movimento”.

Attaccante trevigiano di 26 anni. Una carriera tra Genoa e Milan, quasi sempre girato in prestito a club della ex Serie C. Senza dimenticare, a 17 anni, un passaggio alla Fiorentina per 500mila euro e, nel 2010, la vittoria del campionato Primavera con i rossoblù liguri con Perin ed El Shaarawy.

Con la Fiorentina.

Per un calciatore ci sono diversi modi d’interpretare e vivere la Lega Pro. Un trampolino di lancio, la fine di un percorso oppure il posto giusto dove ricominciare. Ed è proprio quest’ultimo lo spirito con cui  Chinellato,  sta cercando di rilanciarsi in maglia grigia.

Chinellato a Cuneo.

Come detto, nella sua carriera è stato quasi sempre girato in prestito a club di Serie C: ha vestito le maglie di Venezia, Reggiana, Sudtirol (in due occasioni), Tritium. Sorrento, Cosenza, Cuneo, Como e Padova.

A Como.

Gli addetti ai lavori hanno  sempre pensato che abbia le caratteristiche e la forza, non solo fisica (alto 190 cm, 88 chili), per giocarsiuna possibilità in altre categorie.

Quando venne presentato Leggi >

Ufficiale lo scambio di portieri Agazzi-Ragni. Le formule delle operazioni

 

Sono diventati ufficiali sia il quarto movimento in entrata che la quarta operazione in uscita dell’Ascoli Picchio nella sessione invernale di calciomercato che sta volgendo al termine. In bianconero il 33enne portiere Michael Agazzi, all’Alessandria invece va il 26enne estremo difensore Riccardo Ragni (domani per lui primo allenamento agli ordini di mister Michele Marcolini). Ecco il comunicato ufficiale pubblicato sul sito del club di Corso Vittorio Emanuele:

“L’Ascoli Picchio FC 1898 S.p.A. comunica la cessione a titolo definitivo del portiere Riccardo Ragni all’ US Alessandria Calcio. Percorso inverso quello che porta nelle file bianconere l’estremo difensore Michael Agazzi, che arriva a titolo definitivo fino al 30 giugno 2018 con opzione per un ulteriore anno in caso di salvezza. Trentatreenne di Ponte San Pietro, Agazzi vanta una lunga esperienza in tutte le serie professionistiche, su tutte quelle con la Triestina e il Cesena in B e le cinque stagioni in A col Cagliari. Importanti anche le esperienze nel Milan nel 2014-’15 e col Middlesbrough l’anno successivo. Il Club di Corso Vittorio Emanuele saluta e ringrazia Riccardo Ragni per le quattro stagioni in bianconero augurandogli le migliori fortune professionali e accoglie con un benvenuto Michael Agazzi, già a disposizione di Mister Cosmi nel ritiro lombardo”.

Questo invece il comunicato della società grigia: ” ”L’Alessandria Calcio comunica il trasferimento a titolo definitivo di Michael Agazzi all’Ascoli,  è lieta di comunicare l’ingaggio a titolo definitivo fino al 30 giugno 2018, con opzione di rinnovo a favore della società, del portiere Riccardo Ragni”.… Leggi >

I ricordi grigi… e non solo di Fabio Fratena

 

Calciatore professionista ad alti livelli, con una propensione per le piazze calde: Fabio Fratena, detto “Jhonny”,  è ricordato in positivo anche dai tifosi dell’Alessandria, avendo giocato con i Grigi nel campionato di Serie C2 1983-’84. Quello del Livorno del record e quello in cui l’Alessandria fu penalizzata dal fallimento del Quartu Sant’Elena, che al contario favorì l’Asti.

Fratena (oggi allenatore), venerdì 26 gennaio è stato ospite della trasmissione radiofonica di Museo Grigio, “L’Orso in diretta”. Al momento il tecnico, in possesso dei necessari patentini per allenare, è fermo ai box: “Ho avuto un paio di contatti ma niente di importante e di definito e mi ritengo quindi tuttora sul mercato. Da calciatore  ho iniziato con la Lodigiani, e in seguito, da vero e proprio girovago del calcio, ho indossato divise di importanti società come Cerretese, Alessandria, Cavese, Trento, Foggia, Salernitana chiudendo quindi a livello di professionista ad Aosta. Tornato nel Lazio ho giocato a Monterotondo e quindi con la Cisco Roma che poi si fuse con la Lodigiani e quella fu una stagione molto importante per me perché collaborai con Juan Carlos Morrone a livello tecnico e da quella importante esperienza ricavai la certezza che nel mio futuro c’era la panchina”.

Nel Foggia.

 

Proprio con la Salernitana  uno dei ricordi più belli: “Ho un ricordo bellissimo sulla piazza salernitana“. Tanto calcio giocato per il centrocampista classe ’63, che ricorda i giocatori più forti con cui ha condiviso le gioie e i dolori in … Leggi >