Archivio mensile:luglio 2015

Un “Bambi” al servizio dell’Orso

VitaliSandro Vitali.

 

Sandro Vitali, conosciuto anche come “Bambi”, giunse all’Alessandria nel campionato 1956-‘57, voluto dal presidente Silvio Sacco che stava assemblando la squadra per il ritorno in serie A. Vitali proveniva dal Milan dove, al termine della stagione 1954-‘55, conquistò il titolo tricolore.

Vitali (2)Vitali salva sulla linea.

 

L’anno dopo la storica promozione dei Grigi in serie A, segnò l’importante rete del successo, alla prima giornata del torneo, contro la Fiorentina. Messosi in evidenza, lo richiese il Napoli in cui giocò le due successive stagioni. Incontrò ancora i Grigi da avversario e fu proprio Vitali a mettere a segno il gol del pareggio partenopeo contro l’Alessandria nell’aprile del 1960 a Napoli, dopo il vantaggio iniziale di un giovane e promettente grigio: Rivera.

Vitali (1)“Bambi” in azione.

 

In riva al Tanaro nel campionato 1960-‘61 in serie B, disputò ancora cinque campionati concludendo la carriera nel ruolo di libero.

Vitali (3) Spareggio promozione per la serie A 1956-‘ 57. L’Alessandria batte 2-1 il Brescia a “San Siro” di fronte a 70.000 persone ed è promossa in serie A. Vitali viene portato in trionfo.

 

Nel torneo dell’ultima promozione in A dei Grigi, il 1956-‘57, ottenuta dopo lo spareggio contro il Brescia a San Siro, l’Alessandria trafisse al “Moccagatta” la capolista Verona: l’1-0 fu ad opera di una prodezza di Sandro Vitali dopo appena quindici secondi di gioco, il portiere scaligero Ghizzardi sino a quel momento era ancora imbattuto.

Mario BocchioLeggi >

Alessandria, sette reti al Lucento

AlessandriaLucento

 

Grande presenza di tifosi grigi, giunti in un migliaio a Bardonecchia, per l’amichevole tra Alessandria e Lucento terminata sul punteggio di 7-0.
Prima della gara il difensore dell’Alessandria Giuseppe Picone è stato premiato dal sindaco di Bardonecchia con la targa intitolata a Luigi Bertolini, ex giocatore grigio e campione del mondo con la maglia azzurra nel 1934, come giovane del vivaio grigio.

AlessandriaLucento (1)

AlessandriaLucento (2)

Vantaggio dei grigi al quarto d’ora con Fischnaller, servito da Branca. Dopo sette minuti raddoppio di Bocalon, su assist in verticale di Mezavilla. A cavallo della mezz’ora una doppietta di Iunco, prima al termine di un’azione personale e poi con una pregevole conclusione al volo, ha portato a quattro le reti dei Grigi. Prima della fine della frazione anche Bocalon, servito da Iunco, ha firmato la propria doppietta personale fissando il punteggio della prima frazione sul 5-0 per l’Alessandria.

Ad inizio ripresa da registrare prima un clamoroso palo colpito da Branca, con un sinistro dalla distanza, e poi un legno di Boniperti. Ad un quarto d’ora dal termine Sirri, su punizione, ha siglato la sesta rete grigia. Nel finale è Marconi a chiudere le marcature sigillando il risultato finale sul 7-0.

AlessandriaLucento (3)

AlessandriaLucento (4)

AlessandriaLucento (5)

Questa la formazione iniziale dell’Alessandria, disposta da mister Scienza con il modulo 4-3-3: Nordi; Sosa, Morero, Sirri, Manfrin; Mezavilla, Loviso, Branca; Iunco, Bocalon, Fischnaller. All’inizio del secondo tempo hanno fatto il loro ingresso in campo Sabato, Spighi Leggi >

Lorenzetti e quando l’Alessandria vinse la Coppa Italia

Grigi-1972-73Stagione 1972-’73, Alessandria-Derthona 2-0. La formazione dei Grigi, in piedi da sinistra: Vigano’, Pozzani, Dolso, Berta, Paparelli, Maldera II. Accosciati: Colombo, Musa, Salvadori, Lorenzetti, Bianchi, Di Brino.

 

 

Nel 2013 si è spento a 65 anni Giuseppe Lorenzetti, indimenticato centrocampista dell’Alessandria Calcio. Lorenzetti indossò la maglia grigia per 108 volte, dal 1970 al 1973. Con il club mandrogno Lorenzetti viimage216nse una Coppa Italia di serie C, battendo l’Avellino allo stadio “Flaminio” di Roma.

24 giugno 1973: Lorenzetti, lanciato da Cini, realizza il gol del pareggio nella semifinale di Coppa Italia contro il Modena. I Grigi sono in finale a Roma, contro l’Avellino.

 

Lorenzetti era un numero 10, una classica mezzala di punta, un giocatore di grandissima qualità. Basti pensare a cosa c’era scritto su uno striscione a lui dedicato che campeggiava sugli spalti del Moccagatta: Rivera + Benetti = Lorenzetti. Dopo l’esperienza con l’Alessandria militò anche nella rappresentativa nazionale under 21 di serie C. Nella tifoseria alessandrina di una certa età rimarrà di lui un ricordo indelebile.

LorenzettiStagione 1972-’73 i Grigi vincono la Coppa Italia. In finale battuto l’Avellino.

 

Per rivedere i Grigi per l’ultima volta in serie B dobbiamo attendere sino al campionato 1973-‘74. Il primo tentativo va però a vuoto, anche se di un soffio, perchè è il Parma ad aggiudicarsi il torneo di C 1972-‘73, anche se in uno stadio “Moccagatta” pieno zeppo di spettatori, ben ventimila, l’Orso vince 1-0 proprio … Leggi >

È morto Savoini bandiera del Lane ed ex grigio

Savoini L’Alessandria nel campionato 1952-’53, promozione in serie B. Da sinistra in piedi: Savoini, Masperi, Testa, Borriero, Tagnin, Mazzucco. Accosciati: Bussetti, Generani, Vitto, Gabbiani, Bey.

 

Calcio vicentino in lutto. Si è spento Giulio Savoini, indimenticata bandiera del Vicenza. Avrebbe compiuto 85 anni il prossimo 29 settembre. imageNato a Cressa, in provincia di Novara, fece il suo esordio tra i professionisti con l’Alessandria. Il suo nome, però, rimarrà per sempre legato al Lanerossi Vicenza, prima come giocatore, poi come allenatore. Vestì più di tutti la maglia biancorossa, collezionando tra il 1953 e il 1966 317 presenze e 32 gol.

Ma i tifosi biancorossi lo ricordano anche per lo storico spareggio di Ferrara, quando guidò dalla panchina il Vicenza nel vittorioso spareggio contro il Prato, evitando così al Lane la retrocessione in serie C2.

Mario BocchioLeggi >

Alessandria, un nuovo arrivo

Vannucchi“Un’esperienza lunga in Piemonte (5 anni alla Juventus, N.d.R.) non può non farti sentir parlare di Alessandria. E così, quando sono stato contattato, ho accattato al volo“. Gianmarco Vannucchi, ruolo portiere, toscano di Prato, racconta così la sua prima sensazione da neo-Grigio.
“Crescere nella Juve vuol dire imparare tanto; io lì sono migliorato, formandomi come giocatore e anche come ragazzo – racconta -. Quando ero in Primavera, mi è capitato di lavorare con Buffon, con Rubinho e Storari. Con loro si è creato un buon rapporto. Conoscendoli nella quotidianità ho capito che certi traguardi puoi raggiungerli solo con l’impegno e l’umiltà. E così farò qui ad Alessandria…”.

Ecco, svelaci i tuoi obiettivi…: “Vengo per dare il mio contributo a un gruppo di gente forte e motivata: un bel mix di esperienza e gioventù. Qui ho visto Boniperti e Fischnaller che avevo già incrociato nella Juve, anche se loro sono più grandi me. Per me, questa è l’occasione per mettermi in mostra, facendo vedere quel che valgo e, possibilmente, giocando. Senza pormi limiti, con concentrazione e impegno.Alto Vicentino

Coppa Italia il 2 agosto al “Mocca”

I Grigi faranno il loro esordio in Coppa Italia il 2 agosto al “Moccagatta” contro l’Altovicentino (formazione di serie D), mentre il secondo turno – nel caso i Grigi superassero i veneti – è calendarizzato il 9 agosto in una sfida dal sapore antico del lontano e mitico “Quadrilatero”: al “Piola” con la Pro Leggi >