Archivio della categoria: News

Il presidente Di Masi: “Dopo il Coronavirus in C rimarranno sì e no una ventina di club”

Luca Di Masi (foto www.museogrigio.it – Mario Bocchio)

Sul tema della ripresa del campionato di Serie C ha parlato ai nostri microfoni il presidente dell’Alessandria Luca Di Masi.

“Mi sono sempre schierato con Gravina, che ha avuto il coraggio di accettare un’eredità onerosa nella Figc: ma dico che la sua proposta di una C d’élite a 20 squadre e una sorta di C2 a 40 non sarà percorribile, semplicemente perché dopo il coronavirus in C resteranno sì e no una ventina di club e gli altri abbasseranno le serrande. Questa è la percezione reale, meglio non creare false illusioni”.

Uno dei momenti più belli per Di Masi, la vittoria della Coppa Italia

Il numero uno dei Grigi si sposta, poi, sul tema del taglio degli stipendi. Auspichiamo la cassa integrazione per chi guadagna meno di 50mila euro lordi all’anno, in ogni caso credo sia corretta una normativa per tutte le società,evitando che ognuna agisca individualmente”.

Intervista a Luca Di Masi ad oltre un mese dalla sospensione dei campionati

Abbiamo fatto il punto, ad oltre un mese dalla sospensione dei campionati, con il presidente dell' Alessandria Calcio, Luca Di MasiProduzione www.museogrigio.it, coordinamento giornalistico Mauro Bavastri

Pubblicato da Museo Grigio su Lunedì 6 aprile 2020
Leggi >

“Anche nei momenti più bui c’è una luce da seguire”

Angelo Gregucci al Moccagatta (foto www.museogrigio.it – Mario Bocchio)

Angelo Gregucci, allenatore dell’Alessandria, ha fatto il punto della situazione nell’emergenza causata da CoViD-19 ai microfoni di Museo Grigio. “In questo momento il primo pensiero che mi viene è la tutela di tutti gli esseri umani e in particolare dei nostri concittadini italiani, visto che siamo uno dei paesi più violentemente colpiti dal coronavirus. Il primo obiettivo è tutelare la salute di tutti, il secondo è dare sostentamento agli eroi della prima linea di questa guerra: medici, infermieri e tutto il sistema sanitario”.

Gregucci in panchina (foto www.museogrigio.it – Mario Bocchio)

Lo sport può dare l’esempio – ha proseguito il tecnico – attenendosi ai decreti ed alle regole. Il rispetto delle regole è l’elemento fondamentale per uscire da questa crisi. Perciò mi accodo al messaggio di restare a casa, mantenere le giuste distanze interpersonali”. Mister Gregucci, poi, giustamente non si è sbilanciato sul futuro prossimo.Dovremo rispettare scrupolosamente le indicazioni e solo quando saremo fuori da questa crisi gli enti preposti a decidere, dalla Lega Pro alla FIFA, dovranno sedersi attorno ad un tavolo per prendere le decisioni con responsabilità e lucidità. In questo momento non considero ipotesi e previsioni che cambiano giorno dopo giorno. Nessuno può dire quali saranno gli scenari, non solo nel mondo dello sport, ma sicuramente cambieranno molti dei nostri modi di intendere la vita. I parametri saranno azzerati ed il mondo sarà un po’ diverso”.

Gregucci
Leggi >

I tempi incerti di Capitan Gazzi

Alessandro Gazzi (foto www.museogrigio.it – Mario Bocchio)

Una riflessione che sembra scontata, ma con la forza delle parole Alessandro Gazzi ha provato a fotografare un momento davvero complicato per il nostro paese: “Sono tempi incerti. Molto incerti. Si vive alla giornata. Inutile programmare, inutile prevedere quando si potrà ritornare a un barlume di normalità. L’inesorabile avvicinarsi di un pericolo microscopico capace di sconquassare il mondo intero ci ha ridotti alle quattro mura di casa nostra nell’arco di pochi giorni“, si legge nella parte iniziale del suo blog. Un’introduzione che spiega molte cose, un periodo incerto come più volte ha ripetuto il centrocampista e capitano dell’Alessandria

L’intervista rilasciata a Museo Grigio

In questi giorni di riposo forzato Alessandro Gazzi, il capitano dei Grigi, dice la sua sulla sospensione del campionato di Serie C e di tutto lo sport, con lo sguardo puntato al futuro: "Al freddo bisogna sempre scaldarsi" bisogna darsi da fare#iorestoacasa #alessandriacalcio #alessandrogazzi

Pubblicato da Museo Grigio su Lunedì 16 marzo 2020
Coordinamento giornalistico di Mauro Bavastri
Leggi >

Il calcio si ferma sino al 3 aprile

Grigi in allenamento alla Michelin (foto Ufficio stampa Alessandria Calcio)

In base alle disposizioni emanate dal Governo in ordine alle misure per l’emergenza Coronavirus da applicare a tutto il Paese, viene sospesa ogni attività sportiva fino alla data del 3 aprile. L’Alessandria Calcio comunica l’interruzione degli allenamenti della prima squadra fino a lunedì 16 marzo. Proprio in conseguenza dell’emergenza legata al Coronavirus e dei provvedimenti assunti dal Presidente del Consiglio dei Ministri, la Lega Pro, per la tutela della salute, ha raggiunto un accordo con l’Associazione Italiana Calciatori. Ha disposto che, a partire da dal 10 marzo e fino a tutto il 20 marzo, sia osservata la sosta delle attività. “Resta comunque ferma, ma soltanto con l’accordo dei calciatori, la possibilità di ridurre la durata della sosta” .Leggi >

“Serie C? Dobbiamo portare a compimento il campionato”

Francesco Ghirelli


Francesco Ghirelli, presidente della Lega Pro, ha parlato dell’emergenza Coronavirus: “È giusto che i campionati siano stati sospesi, come tutte le altre attività del Paese, poi bisognerà vedere cosa succede. Secondo me, così come quando riprenderanno le aziende, i negozi e tutte le altre attività del Paese, noi abbiamo l’obbligo di portare a compimento il campionato. Una cosa però deve essere certa. Noi dobbiamo lavorare per portare a termine il campionato e che ci siano promozioni e retrocessioni. Questo per un semplice motivo: il campionato ha avuto e avrà un suo svolgimento, chi ha lavorato bene deve essere promosso e chi ha avuto una stagione complicata deve cedere il guanto a quelle società che hanno vinto la Serie D. La possibilità che i playoff vengano annullati è da tenere in considerazione? Al momento attuale sì. Per noi concludere il campionato vuol dire terminare i playoff. Dopo di che ci sarà il consiglio federale lunedì 23, che dovrà rivedere e valutare tutte le proposte che le leghe fanno, essendo la Federcalcio il dominus dal punto di vista della questione dei campionati. Credo che il presidente Gravina sia intenzionato a rispettare la conclusione di questo campionato”.Leggi >