Tutte le volte dei Grigi al “Comunale” di Torino

image023 Juventus-Alessandria 2-2 campionato 1958-’59.

 

Alessandria – Milan semifinale di Coppa Italia si gioca allo Stadio Olimpico di Torino, l’impianto che ha ospitato le cerimonie di apertura-chiusura dei Giochi della XX Olimpiade Invernale.

Stadio MussoliniLo Stadio “Mussolini” con la Torre “Maratona”.

 

4776-StadioOlimpicoGrandeTorinoL’ “Olimpico” oggi.

 

Lo stadio che per una sera diventerà la casa dei Grigi è, per usare il linguaggio dei computer, la versione 3.0 della struttura.
Venne edificato agli inizi degli anni ’30, si dice per decisione dello stesso Mussolini, per ospitare i Giochi Littoriali dell’anno XI e i Campionati Internazionali Studenteschi del 1933.

image001I capitani Traverso e Boniperti in Juventus-Alessandria del campionato 1957’58.

 

image003Pietro Rava con Parola capitano della Juventus allo stadio di Torino.

 

image005I capitani di Alessandria e Juventus a Torino nel 1958-’59. Si vedono Nardi e Giacomazzi.

 

L’impianto polifunzionale, costruito nel classico stile razionalista dell’epoca, comprendeva oltre al campo da calcio anche la pista d’atletica ed una piscina coperta. La “Torre di Maratona” contornava l’ingresso che dall’esterno conduceva direttamente in pista, utilizzato appunto per le gare di corsa podistica su strada. Lo stadio venne denominato “Municipale” e subito intitolato, secondo la moda del tempo a Benito Mussolini.

image007Juventus-Alessandria 3-1 nel 1933-’34. Borelli punta al pallone.

 

image009Juventus-Alessandria 3-1 campionato 1946-’47.

 

image011Juventus-Alessandria 4-1, annata 1936-’37. Gabetto segna il secondo goal juventino.

 

L’inaugurazione avvenne il 14 maggio 1933 con l’apertura dei Littoriali alla presenza di Achille Starace, allora segretario del Pnf.
La prima parttia di calcio venne giocata il 29 giugno del 1933 quando la Juventus in Coppa Europa sconfisse gli ungheresi dell’Ujpest per 6-2.
Nell’immediato dopoguerra diventò semplicemente “Comunale” per poi subire la profonda ristrutturazione che l’ha trasformato nell’odierno Stadio Olimpico.

image013Ancora Juventus-Alessandria 3-1, campionato 1933-’34.

 

image019Juventus-Alessandria 4-1, annata 1936-’37. Uscita di Ceresa.

 

L’Alessandria in questo campo ha giocato undici volte e sempre contro la Juventus (in quegli anni il Torino giocava al Filadelfia). Il bilancio è decisamente negativo: un solo pareggio e ben dieci sconfitte con 9 gol segnati e 40 subiti.
La prima partita si giocò il 21 gennaio 1934 una gara infarcita di giocatori che nel corso della loro carriera avevano o avrebbero vestito entrambe le casacche: Bertolini, Ferrari e Borel II nella Juventus (per non parlare di Carlo Carcano in panchina) Barale e Gastaldi nell’Alessandria. Finì 3-1 per i padroni di casa andati in vantaggio con Giovanni Ferrari sul finire del primo tempo per poi passare nella ripresa con Borel e Depetrini. Cattaneo segnò il punto della bandiera.

21.01.1934 Torino, Benito Mussolini – 19ª giornata
Juventus – Alessandria 3-1 (1-0)

Reti: 43. Ferrari Giovanni [J], 55. Borel (II) Felice Placido [J], 72. Depetrini [J], 80. Cattaneo [A]
Juventus Fc: Combi, Rosetta, Caligaris, Varglien (I) Mario, Monti, Bertolini, Depetrini, Varglien (II) Giovanni, Borel (II) Felice Placido, Ferrari Giovanni, Mihalich. All.: Carcano.
Alessandria: Mosele, Turino, Borelli, Barale, Costenaro, Milano, Cattaneo, Avalle, Notti, Riccardi, Gastaldi. All.: Hänsel.
Arbitro: Barlassina (Milano).

image021Ancora un’istantanea di Juventus-Alessandria 2-2 campionato 1958-’59.

 

Venticinque anni abbondanti dopo, il 18 ottobre 1959, l’ultimo incontro al Comunale. I Grigi stanno giocando la loro stagione finale in Serie A ed alla quinta giornata, dopo la bella vittoria per 3-1 sul Milan al Moccagatta e tre pareggi (0-0 a Bari e con l’Atalanta, 1-1 in casa con il Bologna), affrontano a Torino la Juventus. Di fronte a 30.000 spettatori i bianconeri dilagano e dopo essere andati al riposo sul 2-0 nella ripresa segnano ancora cinque reti al malcapitato Arbizzani.


18.10.1959 Torino, Comunale – 5ª giornata
Juventus – Alessandria 7-0 (2-0)
Reti: 13. Cervato [J], 29. Sivori [J], 63. Sivori [J], 65. Charles [J], 76. Stivanello [J], 83. Charles [J], 87. Boniperti [J].
Juventus Fc: Mattrel, Castano, Sarti, Emoli, Cervato, Colombo, Boniperti, Nicolè, Charles, Sivori, Stivanello. All.: Parola – D.T.: Cesarini
Alessandria: Arbizzani, Raimondi, Giacomazzi, Snidero, Pedroni, Girardo, Maccacaro, Filini, Rivera, Migliavacca, Tacchi. All.: Pedroni Franco – Robotti Luciano.
Arbitro: Annoscia (Bari)

Dopo le doppiette di Sivori e Charles e le reti di Cervato e Stivanello, l’ultimo punto, a tre minuti dalla fine venne segnato da Giampiero Boniperti. Si, proprio il nonno del nostro Filippo al quale auguriamo di seguire le orme dell’illustre avo e di segnare, martedi sera, l’ultimo gol di una splendida prestazione dei padroni di casa.

L’unico precedente in Coppa Italia

Risale alla stagione 1937-’38. Il 26 dicembre 1937 la Juventus – nei sedicesimi di finale – vinse 1-0ed eliminò i Grigi con goal di Tomasi. Alla fine, i bianconeri conquistarono il trofeo.

image015

image017Le due foto si riferiscono alla gara Juventus-Alessandria 1-0 , Coppa Italia1937-’38.

Sergio Giovanelli