Addio a Gambarini, centravanti che giocò anche come terzino

1872-gambaIn questi giorni natalizi è venuto a mancare Mario Gambarini, classe 1939, ex giocatore dell’Alessandria.
Attaccante, giocò anche nel ruolo di terzino, oltre che di libero.
Vestì 26 volte la maglia grigia nella stagione 1962-’63 in serie B: esordì il 16 settembre 1962 in occasione di Alessandria-Lazio 2-2. I biancocelesti andarono in vantaggio al 43’ con Longoni, pareggiò al 52’ Oldani su rigore, Grigi in avanti al 69’ proprio con Gambarini e rete del definito pareggio al 72’ firmata da Bernasconi.
In quel campionato – il quindicesimo dell’Alessandria nella serie cadetta -, i Grigi erano presieduti dall’indimenticabile Amedeo Ruggiero, segretario l’altrettanto famoso Piero Zorzoli, mentre sulla panchina si alternarono l’ex campione del mondo Pietro Rava – poi dal 22 aprile ‘63 – Angelo Franzosi.

image001Una formazione dei Grigi nel campionato 1962-’63.

 

La squadra al termine della campagna estiva di calciomercato risultò indebolita soprattutto perché dopo due centravanti del calibro di Fanello e Cappellaro, l’assunzione del pressoché sconosciuto Gambarini, un alessandrino che aveva acquisito una certa fama a livello di campionato minori, non parve risolvere assolutamente quello che era pur sempre il problema più spinoso di qualsiasi compagine. Per la verità il giocatore alessandrino si diede un gran daffare e qualche rete riuscì anche a metterla a segno, ma dimostrò di non essere assolutamente il giocatore che faceva il caso della compagine grigia e così a sempre più spesso venne preferito il giovane Taccola, che però non riuscì a far certamente di più, anzi. Come sempre accade in questi frangenti, la mancanza di un uomo gol fu determinante per il comportamento generale di tutta l’equipe, ed infatti la posizione finale della squadra non fu certo delle più brillanti: quattordicesima, tre punti sopra alla zona che scottava. La scarsa coesione della squadra fu ampiamente dimostrata dal fatto che vari uomini vennero ripetutamente schierati in ruoli diversi, basti pensare che il centravanti Gambarini divenne, da novembre addirittura terzino! Una gara che ci piace ricordare per la dinamica che l’ha caratterizzata, fu quella interna con la Sambenedettese. A due minuti dal termine i rossoblù marchigiani erano in vantaggio per 1-0 quando in un estremo tentativo, Cantone riuscì ad ottenere il pareggio; palla al centro, nuovo inserimento di Cantone, mischia furibonda, passaggio a Vanara e rete del 2-1.
I Grigi – come detto –  terminarono il campionato al quattordicesimo posto, i più presenti furono Bassi e Melideo con 38 “gettoni”, mentre goleador risultò Gambarini con sei realizzazioni.
Nel corso della sua carriera, Gambarini vstì anche le maglie del Torino Talmone, del Derthona e della Valenzana.

Mario Bocchio

Marcello Marcellini