Alessandria, avanti così

Alessandria-Lucchese 5-2, Umberto Eusepi (foto © Mario Bocchio)

Un solo risultato per l’Alessandria per rincorrere la testa della classifica, sei finali fino alla fine. La vittoria era d’obbligo alla vigilia del confronto con la Lucchese,  un testa-coda insidioso se affrontato con troppa sufficienza. La squadra di Moreno Longo lo sapeva bene ed è scesa in campo aggredendo da subito l’avversario. È stato  un match dalle tante emozioni, che ha inevitabilmente messo a nudo la differenza tecnica tra le due squadre. Tanti o pochi gol una cosa è certa: con questa Alessandria non ci si annoia più.

Il pareggio di Andrea Arrighini (foto © Mario Bocchio)

Il mister grigio ha proposto all’avvio Mustacchio laterale destro d’attacco a dar man forte ad Arrighini (a sinistra), con Eusepi centrale. Il centrocampo di qualità ha fatto il resto ed il gioco è fatto. La convinzione e la tecnica superiore hanno permesso ai giocatori grigi di mettere costantemente in difficoltà la squadra toscana, che pur essendo passata in vantaggio sugli sviluppi di un calcio di rigore, ha subìto inesorabilmente la pressione agonistica dei padroni di casa.

Il vantaggio di Mirko Bruccini (foto © Mario Bocchio)

È stata una partita mai in discussione:  la disarmante superiorità dei Grigi ha permesso di chiudere l’incontro dopo soli 33 minuti di gioco. Mustacchio si è ritrovato sui piedi la palla del vantaggio dopo soli 17” di gioco, ben smarcato in area da Arrighini, concludendo a lato. Con i Grigi in avanti la Lucchese ha approfittato del contropiede per colpire: Nannelli si è involato verso la porta grigia costringendo Pisseri all’intervento da calcio di rigore.

Il terzo gol, ancra di Arrighini (foto © Mario Bocchio)

Cartellino giallo per il portiere grigio e penalty affidato a Petrovic, che dopo essersi visto ribattere la conclusione dal portiere alessandrino lo ha trafitto di testa sulla ribattuta (8’). Ordine in campo e convinzione nei propri mezzi non hanno scomposto i Grigi, permettendo ad Arrighini di rimettere in parità il match al 14’.

Guarda la fotogallery

È stata poi la volta di Bruccini al 24’, che si è sbloccato proprio contro la sua ex squadra, con un bolide su calcio di punizione che non ha dato scampo a Biggeri. Quattro minuti ed ecco ancora in gol Arrighini (28’); poi al 33’ è arrivata la prima rete stagionale anche per Parodi, per il parziale di 4 a 1. Un primo tempo da grande squadra che cresce a vista d’occhio.

Luca Parodi per il 4-2 (foto © Mario Bocchio)

Era dall’ottobre del 2014 che i Grigi non chiudevano con un simile risultato la prima frazione di gioco. All’epoca finì 5 a 1 contro il Pavia in Coppa Italia. Calo di tensione nell’Alessandria ad inizio ripresa, dopo un clamoroso tap-in mancato da Eusepi. Fallo di Parodi su Adamoli e calcio di rigore. Bravo Pisseri ad intercettare la conclusione angolata di Marcheggiani, che però finisce in fondo al sacco riaprendo almeno nel risultato il match. 4 a 2 al 52’.

Giuseppe Prestia per il 5-2 finale (foto © Mario Bocchio)

Ma è stato un fuoco di paglia perché Prestia poco dopo ha timbrato, pure lui, il cartellino con una perfetta conclusione che non ha dato scampo al povero Biggeri. 5 a 2 al 58’. Girandola di sostituzioni nella ripresa, con Longo a chiedere sempre grande attenzione su tutti i palloni ed i classici “due tocchi” perché tutte le partite durano novanta minuti e più. E l’Alessandria lo sa bene e deve costruire sempre per il futuro. Il trio d’attacco CorazzaEusepiStanco con il quale Longo ha chiuso il match non ha punto, ma i tre punti sono in cassaforte ed il match contro la Lucchese è così passato in archivio. Sotto con la Juve.

Il tabellino (clicca)

Mauro Bavastri