Alessandria, solamente un pari a Grosseto

Grosseto-Alessandria 1-1, Federico Casarini (foto Us Grosseto Calcio 1912)

Un’Alessandria che potremmo definire “con il freno a mano tirato”, non va oltre il pareggio a Grosseto, dopo essere capitolata nella prima frazione di gioco e aver ottenuto l’uno a uno ad inizio ripresa. Da quel momento la manovra e la pressione dei Grigi diventano più intense, facendo presagire al meglio, poi però Parodi ha peccato d’ingenuità commettendo un fallo inutile a centrocampo, già ammonito viene espulso. Un uomo in meno penalizza i Grigi, che che hanno nuovamente ridotto la velocità della manovra coprendosi per evitare i pericolosi contropiedi avversari. Mister Longo si vede costretto a ridisegnare sia difesa che centrocampo per far fronte alle offensive dei toscani.Proprio su un contropiede al 25’ del primo tempo Sicurella era andato in gol, realizzato senza troppa pressione della difesa alessandrina.

Una gran conclusione da lontano ha trovato Pisseri leggermente fuori dai pali. Grande merito al giocatore del Grosseto autore di un gol di pregevole fattura. L’Alessandria, grazie all’entrata di Frediani, si è resa pericolosa più volte nella ripresa. Il pareggio è nato da un suo traversone finalizzato da Corazza dopo soli 6 minuti. C’è un accenno di cambio di passo, frutto del vantaggio psicologico, ma nulla di più. Anche perché solamente Frediani ha saputo interpretare il momento creando un paio di occasioni da gol, ma l’intera squadra, pur cambiando i protagonisti, ha continuato il gioco compassato del primo tempo, priva di accelerazioni da mettere in difficoltà il Grosseto. Ne è uscito un pareggio giusto, dove a recriminare sono gli uomini di Longo per l’ennesima occasione perduta nella rincorsa alla testa della classifica ed in piena bagarre playoff.

Il tabellino (clicca)

Mauro Bavastri