Arrighini fa volare l’Alessandria

La giornata di Andrea Arrighini (foto © Mario Bocchio)

Una doppietta di Arrighini fa sorridere Mister Angelo Gregucci e la tifoseria grigia, piegando un Piacenza volitivo, a tratti padrone del campo, ma troppo evanescente in zona gol. Poi se in porta c’è un super Pisseri è tutto detto, visto che l’estremo difensore di casa, nel momento cruciale del match ha evitato il pareggio con un intervento di grande tempismo.L’Alessandria vince una partita difficile, non bella e troppo condizionata dall’importanza del risultato dopo le recenti prestazioni. Per i Grigi un confronto tutto cuore e determinazione a colmare la fatica in fase di manovra del gioco. Emblematico il lungo applauso (da parte di compagni e dirigenti sugli spalti) al 35’ del secondo tempo quando Di Quinzio e Arrighini hanno lasciato il campo a dimostrazione della prestazione di qualità e bravura dei due giocatori alessandrini.La squadra del presidente Luca Di Masi torna così a convincere con quel carattere battagliero mancato in altre circostanze. Inizia in salita il match per l’Alessandria: solamente tre minuti e su traversone dalla destra di Lamesta, il portiere grigio Pisseri s’infortuna, dopo aver bloccato la sfera, nello scontro con l’accorrente Cosenza. Lunga pausa di gioco poi il calciatore alessandrino riprende con una vistosa fasciatura al capo. La tegola per Gregucci arriva al 12’ quando Prestia chiede il cambio per problemi fisici.

Alessandria-Piacenza 2-0, la prima rere di Arrighini (foto © Mario Bocchio)

Gli subentra Blondett che si posiziona a destra con Cosenza centrale e Bellodi sulla parte sinistra della difesa. Proprio Bellodi salva all’ultimo su Pedone lanciato in porta (19’) poi si alza la bandierina dell’assistente per fuorigioco. Ancora Piacenza (20’) con Lamesta che effettua un invitante cross in area non sfruttato dai compagni; capovolgimento di fronte (22’) e Eusepi gira alto di testa sulla battuta d’angolo.Non è una bella partita. Il risultato ne condiziona troppo lo svolgimento, sono in gioco punti troppo pesanti per entrambe le squadre. Al 38’ occasione d’oro per i Grigi su punizione dalla distanza calciata da Casarini, Vettorel respinge con i pugni sui piedi dell’accorrente Blondett, ribattuto nella conclusione a botta sicura ad un passo dal gol.

Alessandria-Piacenza 2-0, la prima rere di Arrighini (foto © Mario Bocchio)

Al 42’ l’Alessandria passa in vantaggio su una pronta ripartenza dalla trequarti difensiva. Lunga verticalizzazione di Casarini per Arrighini che elude l’intervento di Bruzzone, dribbla Vettorel ed insacca.In pieno recupero un brivido corre sulla schiena dei giocatori grigi: Cosenza ribatte sui piedi dell’accorrente Gonzi, che si presenta a tu per tu con Pisseri. Il portiere di casa è bravo a chiudergli lo specchio della porta e salvare il risultato deviando in angolo.

Guarda la fotogallery

La squadra ospite, del rientrante tecnico Manzo dopo la positività al Covid, fa possesso palla alla ricerca del pareggio; più pericolosi i Grigi su due calci d’angolo consecutivi che permettono di rifiatare, poi Rubin confeziona un perfetto cross dalla sinistra per Arrighini al 63’. L’attaccante dell’Alessandria è bravo ad inserirsi nella difesa avversaria capitalizzando al meglio l’invitante assist per il raddoppio.

Matteo Rubin, devastante sulla fascia (foto © Mario Bocchio)

Una rete che taglia le gambe al Piacenza mentre la squadra in casacca grigia prende sempre più convinzione dei propri mezzi controllando senza grossi problemi il risultato fino alla fine.

Il tabellino (clicca)

Mauro Bavastri