Il Piacenza riesce a recuperare due punti in classifica alla capolista Virtus Entella

Alessandria-Entella 0-0 (foto www.museogrigio.it)

Ci sono giornate che in un campionato di calcio – a prescindere dalla categoria – possono rivelarsi più fondamentali. Perché in quelle giornate possono capitare episodi decisivi per i verdetti dello stesso. E chissà che questa trentunesima giornata del girone A di Serie C 2018-’19 non possa diventare una di queste giornate.

Piacenza-Pistoiese 1-0 (foto Milani)

Questo perché il Piacenza riesce a recuperare due punti in classifica alla capolista Virtus Entella, riducendo lo svantaggio che ora è di due punti, a netto delle partite ancora da recuperare dai liguri. La formazione di Boscaglia, infatti, quest’oggi non è andata oltre lo 0-0 in quel di Alessandria contro i grigi piemontesi. Una partita equilibrata con occasioni da una parte e dall’altra e quindi con il risultato che rispecchia l’andamento della gara. Gli emiliani hanno ragione della Pistoiese per 1-0 al «Garilli». La formazione di Franzini trova il gol partita con Ferrari due minuti dopo il 90′ su calcio di rigore, dopo aver tenuto il pallino del gioco per tutto l’incontro ma senza costruire particolari occasioni da rete.

Siena-Lucchese 1-0 (foto zonacalciofaidate.it)

Alle spalle delle prime due della graduatoria, si issa la Robur Siena. I bianconeri battono 1-0 la Lucchese. Nel primo tempo, i rossoneri giocano alla pari con gli avversari, non facendo vedere la differenza in classifica tra le due squadre. Poi, però, nella ripresa la formazione di Mignani sale in cattedra e approfittando della doppia superiorità numerica per le espulsioni dei lucchesi Mauri e Sorrentino, trova il guizzo che decide la partita con Aramu.

Carrarese-Arezzo 3-0 (foto Cristian Storto)

Al quarto posto, un poker di squadre a 50 punti. A cominciare da Carrarese e Arezzo, con i marmiferi che fanno loro il derby con gli aretini per 3-0. Una gara che è stata un monologo della formazione di Baldini, che al 46′ ha legittimato il successo con la doppietta di Biasci, ben servito la prima volta da Maccarone e la seconda da Tavano e con due legni colpiti dallo stesso Biasci e da Maccarone. L’Arezzo poi sciupa l’unica occasione che ha per entrare in partita, con Brunori che sbaglia un calcio di rigore e la Carrarese chiude i giochi all’85’ con Rosaia, anch’egli ben servito da Tavano.

Pro Vercelli-Arzachena 4-0 (foto Ivan Benedetto)

A quota 50 vi sono anche Pro Vercelli e Pisa. I piemontesi travolgono con un 4-0 senza appelli l’Arzachena. Apre le danze Berra dopo appena 120 secondi, al 40′ raddoppia Leonardo Gatto. Nella ripresa prima Morra fa 3-0 profittando di un incerto intervento del portiere sardo Ruzittu e infine Comi concede il poker con un superbo pallonetto da fuori area. I toscani espugnano il «Nespoli» di Olbia per 1-0. Una partita molto equilibrata nel primo tempo, dove i nerazzurri trovano il gol vittoria con Brignani che inzucca un cross di Gucher. Nella ripresa, i toscani sfiorano più volte lo 0-2 con Marconi ma nel finale temono la beffa con un tiro di Ragatzu che termina di un soffio a lato.

Novara-Cuneo 1-3 (foto zonacalciofaidate.it )

Frena il Novara che perde inopinatamente in casa il derby piemontese con il Cuneo per 3-1. I biancorossi legittimano la vittoria con un uno-due nel finale del primo tempo. Al 40′ Rigione devia nella propria porta un cross di Defendi e al 45′ con un gran sinistro di Kanis che termina la propria corsa sotto la traversa. E al 63′ Said triplica tramutando in gol una respinta di Di Gregorio su colpo di testa di Caso. Il Novara sbraca ma perlomeno trova la soddisfazione di mandare in rete per il punto della bandiera il giovane Stoppa, classe 2000.

Pontedera-JuventusU23 1-0 (foto La Nazione)

In chiave playoff, importante successo del Pontedera sulla Juventus U23 per 1-0. Gol partita al 5′ con Calcagni che inzucca un cross di Caponi. I granata controllano senza particolare patema d’animo il risultato, sfiorando il 2-0 con Mannini, che dal dischetto si fa ipnotizzare da Del Favero. In chiave salvezza, 1-1 tra Albissola e Gozzano. Vantaggio dei liguri con Nossa che insacca una respinta del portiere del Gozzano Casadei, il quale aveva provato ad allontanare la sfera dopo un colpo di testa del biancazzurro Cais che aveva centrato la traversa. Nel secondo tempo è un monologo del Gozzano ed i piemontesi giungono al meritato pareggio all’88’ con Libertazzi che risolve una mischia in area.