L’Entella sempre più padrona del campionato

Virtus Entella-Pontedera 3-0 (foto pagina Fb Virtus Entella)

Il contagocce. Questo strumento indispensabile in medicina e in farmacologia è il simbolo metaforico di questa trentesima giornata del girone A di Serie C 2018-’19. Poiché si è davvero – come affermano i bravi addetti ai lavori – segnato col contagocce in questo turno. Manca ancora il posticipo tra Pro Vercelli e Robur Siena, ma fino ad adesso in otto partite sono state appena undici le reti segnate. Tre di queste sono le marcature che la capolista Virtus Entella ha rifilato al Pontedera. Una partita, quella tra i liguri e i toscani, equilibrata fino al 35′, quando Mancosu viene atterrato in area. Calcio di rigore per gli uomini di Boscaglia ed è lo stesso centrocampista ex Bologna a siglarlo. La Virtus nella ripresa controlla agevolmente il risultato, trovando il gol del 2-0 con Iocolano bravo a concretizzare con un piattone destro un assist di Caturano. In pieno recupero, Eramochiude i giochi con un grande destro da fuori area.

Arezzo-Novara (foto ForzaNovara.net)

Con il Piacenza che prende i tre punti a tavolino nel “virtuale” derby con l’esclusa Pro Piacenza, l’Arezzo non va oltre l’1-1 interno con il Novara. Toscani in vantaggio con un rigore di Cutolo decretato per un ingenuo fallo di mano del novarese Bove su cross di Rolando. Nella ripresa, il Novara parte a mille e al 60′ pareggia con una zampata di Tartaglia in occasione di un calcio d’angolo. L’ultima mezz’ora di partita è molto intensa, con entrambe le squadre alla ricerca del successo che però non arriva.

In chiave playoff, Carrarese e Pisa non sfruttano il fattore campo, non andando oltre il pareggio interno rispettivamente contro Alessandria e Lucchese. Allo stadio «Dei Marmi», i gialloblu sbloccano la situazione con il “vecchietto” Maccarone che tramuta in oro una sponda di testa di Bentivegna. A inizio ripresa, al primo tiro, l’Alessandria perviene al pareggio. De Luca sfrutta un’incertezza tra Ricci e Carissoni e con un destro dai 20 metri realizza l’1-1. La Carrarese prova a trovare il gol del nuovo vantaggio, non riuscendovi. All’«Arena Garibaldi – Romeo Anconetani», il Pisa sbatte prima sul palo colpito da Minesso poi sulla grande prestazione del portiere della Lucchese Falcone, che nega più volte la vittoria ai pisani. Fino al 93′, quando Falcone dice di no a Masucci con un intervento prodigioso.

Lucchese-Pisa 0-0 (foto La Nazione)

Passo indietro della Pro Patria che all’ultimo giro di lancette viene sconfitta per 1-0 dall’Arzachena. Dopo una partita equilibrata, in pieno recupero Nuvoli fa esplodere il «Pirina» con un violento sinistro da fuori area che termina la sua corsa all’incrocio dei pali.

Arzachena-Pro Patria 1-0 (foto Arzachena Costa Smeralda Calcio)

Vince anche la Juventus U23, 1-0 in casa sull’Albissola. I liguri hanno però il colpevole torto di aver sprecato tre nitidissime occasioni nel primo tempo. Così si arriva al 74′, quando Calcagno compie fallo di mano sul tir da lontano di Zanimacchia. Rigore per la Juventus U23 ed è Bunino a realizzarlo. E, nel finale di partita, sono più i bianconeri a sfiorare il raddoppio con varie occasioni che l’Albissola a cercare il pareggio.

Pistoiese-Cuneo 1-0 (foto PistoiaSport)

L’unico blitz esterno (aspettando la Robur Siena) è rappresentato dal successo dell’Olbiasul campo del Gozzano per 1-0. Gol partita di Peralta al 32′ con un sinistro da fuori area che non lascia scampo al portiere piemontese Casadei. Il Gozzano prova a reagire ma la sua reazione termina al 56′, quando rimane in 10 per l’espulsione di Emiliano per un colpo su Senesi. In chiave salvezza, fondamentale successo per la Pistoiese che batte 1-0 il Cuneo. Gol partita di Momentè al 34′, con l’attaccante scuola Inter bravo a tramutare in assist un tiro sbilenco di Regoli. Nella ripresa, gli arancioni controllano senza patemi d’animo il risultato anche perché il Cuneo è risultato essere non pervenuto per tutta la durata dell’inconto.