Alessandria, in attacco arriva “Cobra” Coralli

Coralli in maglia grigia (foto Ufficio stampa Alessandria Calcio)

L’Alessandria Calcio comunica di aver ingaggiato dalla Carrarese, a titolo definitivo fino al 30 giugno 2019, con opzione di rinnovo anche per la stagione successiva, Claudio Coralli. L’attaccante, classe ’83, vanta in carriera 419 presenze e 135 reti tra Serie B e Serie C.

Nella Carrarese

Classico attaccante e uomo squadra con una buona visione di gioco è dotato di un ottimo tiro ed ha un gran fiuto del gol.

Nell’Empoli

Soprannominato “Il Cobra”, dopo diverse stagioni in prestito al Tivoli, Meda, Pizzighettone e Lucchese, esordisce in Serie A nella gara Siena-Empoli il 13 maggio 2007, a cui seguiranno altre due gare in massima serie nella parte finale dello stesso campionato.

Successivamente passa in prestito al Cittadella in Serie C1, dove segna 19 gol in 29 partite, e successivamente ancora nell’Empoli, questa volta in Serie B, dove segna 34 reti complessive nell’arco di tre stagioni e mezza.

Ancora con l’Empoli

Il 31 gennaio 2012 scende di categoria, passando con la formula del prestito con diritto di riscatto alla Cremonese, compagine di Lega Pro Prima Divisione, con cui gioca cinque partite di campionato senza mai andare a segno. In compenso segna però due gol nei play-off.

Il 2 luglio 2012 torna definitivamente ad Empoli, non avendo esercitato i lombardi il diritto di riscatto.

A Cittadella

Il 26 luglio 2013 il bomber si accasa alla Pergolettese (con tanto di presentazione ufficiale), ma successivamente il trasferimento non va a buon fine.

L’11 settembre inizia ad allenarsi con il Cittadella, squadra nella quale aveva già militato nella stagione 2007-’08, in attesa di essere ingaggiato. Il 19 settembre seguente firma il contratto per la stagione 2013-‘14. Debutta il 21 settembre nella sfida contro la Juve Stabia persa (2-0) dalla formazione padovana. Successivamente il 13 ottobre segna il primo gol stagionale nel derby contro il Padova vinto dalla squadra granata (1-0).

Nella Reggina

Il 20 agosto 2016 passa a titolo definitivo alla Reggina in Lega Pro. Poi l’esperienza nella Carrarese di Mister Baldini, al fianco di altri bomber di razza quali Tavano e Maccarone. Per lui 48 presenze e 11 reti.

Realizzatore implacabile

Claudio Coralli un bomber made in Mugello

Per conoscerlo meglio, siamo andato a recuperare uno stralcio di un’intervista che aveva rilasciato nel 2016 a Fabio Ceseri di “Mugello Sport”.

Allora Claudio una bella soddisfazione a 33 anni. Una carriera con belle soddisfazioni.

Un primo piano

“Si non mi posso lamentare. Una carriera che è iniziata alla Fortis Juventus a Borgo San Lorenzo grazie a due grandi allenatori come Franco Tantulli e Fabrizio Tatini. Dopo la Fortis ho fatto un anno a Dicomano poi all’Empoli dove ho fatto tutta la trafila nelle giovanili. Una soddisfazione è stata anche quella di aver toccato la serie A. Magari se ero arrivato a questo traguardo in un altro modo, era meglio. Infortuni, annate storte hanno condizionato il rendimento perché il segreto non è solo arrivare alla massima serie, l’importante è saperci restare. Comunque dopo Empoli e altre vicissitudini, sono arrivato al Cittadella, una grande società”.

Qual è però la soddisfazione più bella della tua carriera professionale

“La soddisfazione più bella è quella della vittoria nel campionato 2007/2008 con il Cittadella”.

Cittadella dopo Empoli una bella realtà del calcio nazionale

“Empoli stata per me una parentesi importante”.

Ancora a Cittadella

E come mai è finito il tuo rapporto con questa società?

“E’ finito il mio rapporto perché cambiando il Direttore generale e l’Allenatore, non c’era più posto per me. Arrivando a Empoli, hanno portato i loro giocatori. Di solito si fa così”.

Finisce qui l’intervista a Claudio Coralli “il cobra dai goal pesanti” come è stato definito da vari commentatori. Esperienza e fiuto per il goal quasi sempre determinanti. In area di rigore è spesso letale, non ha un fisico da corazziere, ma in area si fa rispettare. Ma al di la delle pur genuine doti calcistiche, Claudi Coralli si è rilevato una persona veramente con i piedi per terra, un campione a tutto tondo.