Cucchietti come Notarnicola, para un rigore al suo debutto in campionato con la maglia grigia

 

Tommaso Cucchietti ha esordito in campionato con la maglia grigia domenica sera nell’incontro in … trasferta contro la Juventus Under 23. Come tutti sappiamo la partita è finita con la vittoria dell’Alessandria per 2-1. L’unico gol dei bianconeri è stato segnato da Zappa ribattendo una respinta di Cucchietti su calcio di rigore.

Ecco, qui sta il punto.   Non è infrequente il caso che un portiere alla sua prima partita di campionato si trovi a fronteggiare un calcio di rigore, ne abbiamo contati una decina soltanto dal 1975 in poi; è evento molto più raro il fatto che il calcio di rigore non venga segnato.

Prima di domenica l’ultimo portiere che ha avuto la fortuna di non raccogliere il pallone nel sacco dopo un tiro dagli undici metri è stato Francesco Teti (foto sotto), ma nel suo caso fu il tiratore a sbagliare colpendo il palo (avvenne nella partita Saluzzo – Alessandria 1-1 giocata il 16 ottobre 2005 in Serie D).

Per trovare l’ultimo calcio di rigore parato da un portiere alessandrino esordiente in campionato bisogna tornare molto indietro nel tempo.

19 ottobre 1958, stadio di San Siro, quinta giornata di Serie A. L’Alessandria è partita malissimo, ha un solo punto dopo quattro partite ed ha incassato la bellezza di 14 gol molti imputabili allo scarso stato di forma del numero uno grigio Ideo Stefani. Per sostituirlo viene ingaggiato in fretta e furia il ventitreenne Sergio Notarnicola, in pratica al debutto assoluto tra i professionisti dopo una stagione da riserva al Torino ed un’esperienza biennale tra i semiprofessionisti negli Stati Uniti.

Notarnicola (foto sopra, proprio il giorno della partita) non ha nemmeno il tempo di capire dove si trova e viene trafitto. Dodici secondi di partita e Schiaffino segna il primo gol per i rossoneri. La squadra è frastornata così il Milan ha buon gioco. Il primo tempo finisce 4-0. Nella ripresa i Grigi si riprendono e, quantomeno riescono a chiudere la frazione di gara sull’1-1. A metà ripresa Oldani segna il punto della bandiera, ma poco dopo Russoni stende Danova in area. Incaricato del tiro Nils Liedholm che, scrive Giulio Accatino su “La Stampa”, ha cercato di sorprendere il portiere alessandrino con un tiro debole, ma Notarnicola ha parato facilmente.

Dopo Notanicola, dunque, sessant’anni dopo, tocca a Cucchietti scrivere una piccola pagina nella lunga e gloriosa storia dei Grigi.

Sergio Giovanelli

Articoli correlati

Quando Notarnicola parò il rigore a Liedholm