Ad Alessandria la Juventus Under 23 debutta in Coppa Italia e vince

Nel suo piccolo, quella di ieri sera è stata una serata storica per il calcio italiano o almeno per la Juventus, l’unica società a varare una seconda squadra dopo la riforma introdotta dalla Figc. La Under 23 bianconera, iscritta al campionato di serie C, ha giocato la sua prima gara ufficiale nel girone A della Coppa Italia di categoria, battendo 1-0 il Cuneo . Il campo scelto dalla Juventus per le partite in casa della squadra allenata da Maurizio Zironelli, ex tecnico del Mestre, è il Moccagatta di Alessandria. L’ossatura è quella della formazione Primavera, con l’innesto di un numero massimo di quattro fuoriquota. E qualche colpo di mercato come l’inglese Mavididi, classe ‘98, appena preso dall’Arsenal.

La Juve è stata l’unica squadra a farsi trovare pronta. Una rosa allestita dall’accoppiata Federico Cherubini-Claudio Chiellini, il fratello del neo-capitano della prima squadra, nella quale giocano molti talenti da tenere d’occhio. Tra i più interessanti l’ex capitano della Primavera del Genoa Luca Zanimacchia (autore della rete del successo), il portiere Mattia Del Favero e il difensore classe 1999 Gianmaria Zanandrea.  La Champions League di questi ragazzi sarà la promozione in Serie B, visto che in Serie A contro la sorella maggiore non potranno giocare.

 

Per la prima della Juve B in Coppa Italia, ad Alessandria c’erano anche Beppe Marotta e Fabio Paratici. I due dirigenti bianconeri, oltre ad assistere all’esordio degli Under 23, hanno avuto (e in futuro ci asaranno tante altre occasioni) la possibilità di visionare molti giovani che nelle prossime stagioni potrebbero essere integrati dalla squadra di Allegri, come il talento Leandro Fernandes, centrocampista olandese di 18 anni della scuderia di Mino Raiola.

Le fotografie sono tratte da “Il Piccolo”.