Bel pareggio dell’Arezzo con l’Alessandria, amaranto avanti con Guidi e replica di Mezavilla

Arezzo-Alessandria (2)

 

Giusto pareggio nella sfida tra l’Arezzo e la capolista Alessandria giocata all’inedito orario delle 11 di mattina, davanti a un discreto pubblico considerata l’ora. Primo tempo equilibrato con l’Alessandria che ha avuto una grande occasione, di testa con Marconi su cross di Rantier.
I due gol nella ripresa, quella più brillante. Gli amaranto sono andati in vantaggio al 18′ con un bel colpo di testa di Guidi su cross di Carcione dopo che poco prima lo stesso numero 5 aveva sfiorato il gol su un tiro da fuori deviato da Nordi.

Arezzo-Alessandria (13)

L’Alessandria ha pareggiato al 32′ con Mezavilla (settimo sigillo stagionale) sull’unica disattenzione difensiva amaranto. Partita viva fino alla fine con i piemontesi che hanno sfiorato il sorpasso con un diagonale di Mezzavilla a fil di palo.

Pareggio giusto al tirar delle somme, Arezzo solido in difesa a parte nell’occasione del gol, discreto a centrocampo; gli attaccanti pur non avendo avuto grandi occasioni si sono battuti con impegno. Da parte dell’Alessandria la consapevolezza che avrebbe potuto vincere la gara nel finale, e la recriminazione per il gol annullato a Rantier per fuorigioco millimetrico.

Arezzo-Alessandria (12)

In sala stampa

Adriano Mezavilla: “Mi spiace, meritavamo di più e invece andiamo via con un solo punto, che è troppo poco rispetto a quello che abbiamo fatto in campo.

Kenneth Obodo: “Partita non facile, ma ne siamo venuti fuori bene, con carattere. Quello che serve per arrivare più in alto possibile”.

Arezzo-Alessandria (1)

Mister Luca D’Angelo: “Risultato giusto. Noi abbiamo pagato un momento di sbandamento, ma per il resto abbiamo giocato un’ottima partita, pur con il vento che dava fastidio. La strada è ancora lunga, sono fiducioso. Arezzo e’stato un buon banco di prova.

Arezzo-Alessandria

Il punto sul campionato

Pareggiano dunque Alessandria e Pavia; vincono Novara e Bassano e il Como fa il botto a Pordenone. Cambia la vetta con il Novara solitario capo classifica (60 punti) seguito, ad un punto, dai Grigi e dal Pavia, ma incalza il Bassano (58 punti), alla quarta vittoria consecutiva. Il quarto posto è ambitissimo visto che nel girone B sono indietro di 11 punti e, a tutt’oggi, garantirebbe la disputa dei playoff . E ci crede eccome il Como, quarta vittoria nelle ultime 5 giornate, che di punti ne ha 54 e deve ancora affrontare Bassano, Alessandria e Pavia.
Ora i veneti attendono proprio l’Alessandria per una sorta di spareggio che vale doppio.

Mario Bocchio

Arezzo-Alessandria (3)

Arezzo-Alessandria (6)

IL TABELLINO – Arezzo: Benassi, Panariello, Guidi, Gambadori (C), Carcione, Villagatti, Franchino (dall’82’ Brumat), Cucciniello (dall’85’ Coppola), Montini, Yaisien (dall’80’ Erpen), Sabatino. A disposizione: Rosti, De Martino, Crescenzi, Coppola, Brumat, Erpen, Testardi. All. Ezio Capuano

Alessandria: Nordi, Sosa, Sirri, Morero, Mezavilla, Mora, Spighi (dal 63′ Iunco), Obodo, Marconi (dal 52′ Germinale), Rantier (C), Vitofrancesco.
A disposizione: Poluzzi, Terigi, Germinale, Iunco, Valentini, Nicolao, Sabato. All. Luca D’Angelo

Arbitro: Alessandro Caso di Verona.

Reti: 62′ Guidi (AR), 76′ Mezavilla (A).

Ammoniti: 25′ Sabatino (AR), 33′ Panariello (AR), 35′ Sosa (A), 84′ Erpen (AR).

Calci d’angolo: 4-4.

Arezzo-Alessandria (5)

Arezzo-Alessandria (4)

Tutti i risultati, la classifica e il calendario del girone A della Lega Pro: cliccare qui

Le fotografie sono pubblicate per gentile concessione de “La Nazione”.