L’Alessandria di nuovo in alto: tre gol al Lumezzane

Alessandria-lumezzane 14_02_2015 (8)

 

L’Alessandria è di nuovo prima in classifica, con Pavia e Novara (che hanno pareggiato 3-3) e il Bassano è dietro di un punto.
Per il Lumezzane la sconfitta ad Alessandria era da mettere in preventivo, visto il ruolino di marcia dei Grigi che venivano da due vittorie di fila, compreso il successo proprio contro il Pavia.
Nella notte di San Valentino l’Alessandria ha giocato molto bene per almeno 75 minuti, allentando un po’ la presa solo negli ultimo quarto d’ora.

Alessandria-lumezzane 14_02_2015 (4)

“Più che comprensibile: perché tutti hanno speso molto, per il lungo elenco di diffidati che, anche inconsciamente, faceva evitare i contatti per non rimediare un giallo, e in questo siamo stati bravi, per tutta la gara, e anche perché – ha spiegato Mister D’Angelo con il risultato al sicuro al 20’ della ripresa l’adrenalina, altissima per buona parte della partita, è un pochino scesa”.

Il gol di Cavalli visto dalla Curva Nord.
La formazione alessandrina è ritornata al 3-5-2. “Perché mi è sembrato l’atteggiamento tattico più corretto contro un avversario schierato con il 4-3-3. Chiedendo grande spinta ai due esterni e Vitofrancesco e Mora hanno messo in area una quantità enorme di palloni. Credo di essere uno dei pochi fautori del 3-5-2 – ha insistito il tecnico alessandrino – che, per noi, è un po’ come quando si torna a casa: la certezza di un piatto di pasta fatta bene, dalla mamma, c’è sempre. Però, sia chiaro, ci riesce altrettanto bene anche l’altro modulo, dipende anche dalle caratteristiche della squadra che affrontiamo”.

Alessandria-lumezzane 14_02_2015 (2)

L’Alessandria è passata in vantaggio al 15’ del primo tempo. Sul tiro dalla bandierina di Vitofrancesco Bason ha bloccato la sfera, ma poi l’ ha persa. Per Marconi metterla dentro è stato un gioco da ragazzi.
Nella ripresa subito schermaglie: un tiro di Rantier di poco alto per i Grigi e una grande uscita di Nordi sul centravanti del Lume Sarao. Al 10’ Marconi ha sfiorato il raddoppio. Al 15’ Bagnai ha combinato la frittata consentendo a Rantier di infilare Bason quasi dalla linea di fondo. Il Lume è crollato mentalmente ed al 20’ Cavalli ha fatto tris concludendo una bella manovra.
Nel finale, al 44’, c’è stato il gol della bandiera del Lumezzane realizzato da Varas, al primo centro tra i professionisti.

Alessandria-lumezzane 14_02_2015 (7)

Già, il gol nel finale?. Un errore ci può stare. Credo, però, che possiamo goderci tutti questa bella vittoria” ha tagliato corto D’Angelo.
Gabriele Cavalli al termine del match era logicamente euforico, pur rimanendo con i piedi per terra:  “La mia è la ciliegina sulla torta. Ma il gol che ha chiuso la partita è il capolavoro di Rantier”.
Molto bene il rientro di questo giocatore che sa aspettare sempre con umiltà il proprio momento: si è fatto trovare pronto e siamo sicuri che saprà dare un grande contributo a questo splendido gruppo che vuole giocarsela fino alla fine.

Mario Bocchio

Alessandria-lumezzane 14_02_2015 (11)

IL TABELLINO – Alessandria: Nordi, Sosa, Terigi, Sirri, Mezavilla, Mora, Vitofrancesco, Obodo, Marconi (dal 78′ Valentini), Rantier (dal 67′ Germinale) , Cavalli (C, dal 70′ Spighi).
A disposizione: Cizza, Sabato, Spighi Germinale, Valentini, Nicolao, Picone. All. Luca D’Angelo.

Lumezzane: Bason, Bagnai (dal 64′ Pantano), Mogos, Meduri, Nossa, Belotti (C), Potenza (dal 67′ Biondi), Baldissini, Sarao, Genevier, Ekuban (dal 61′ Varas).
A disposizione: Guagnetti, Pantano, Biondi, Gatto, Franchini, Varas, Cruz. All. Maurizio Braghin.

Arbitro: Pillitteri di Palermo.

Reti: 15′ Marconi (A), 60′ Rantier (A), 65′ Cavalli (A), 89′ Varas (L).

Ammoniti: 43′ Obodo (A), 53′ Belotti (L), 57′ Mogos (L), 78′ Pantano (L).

Calci d’angolo: 9-4.

Recupero: 3 minuti nel secondo tempo.

Spettatori: paganti 676; Abbonati 764.

Alessandria-lumezzane 14_02_2015 (12)

Tutti i risultati, la classifica e il calendario del girone A della Lega Pro: cliccare qui

Le fotografie sono tratte dal profilo Facebook dell’Alessandria Calcio e sono di Mauro Zoboli.