Nei quarti di finale il Lecce contro l’Alessandria

 

Effettuato a Firenze il sorteggio per gli accoppiamenti dei quarti di finale dei playoff di Lega Pro: al Lecce, che ieri ha eliminato la Sambenedettese, tocca l’Alessandria, che ha liquidato la Casertana.

Il match di andata è in programma mercoledì prossimo, 31 maggio, al Via del Mare mentre il ritorno la domenica successiva, il 4 giugno, al “Moccagatta”. In caso di parità (di risultato o di differenza reti) si disputeranno i supplementari ed eventualmente i calci di rigore.

Queste le altre partite in programma: Parma – Lucchese; Lecce – Alessandria; Pordenone – Cosenza; Livorno – Reggiana. Si è trattato di un sorteggio libero, senza teste di serie né vincoli su gare da disputare prima in casa o in trasferta. In caso di qualificazione il Lecce affronterà la vincente tra Livorno e Reggiana.

L’Alessandria ha terminato il suo girone a quota 78 punti, gli stessi della Cremonese che però è stata promossa come prima in virtù degli scontri diretti. Per la squadra di mister Roberto Rizzo, dunque, una doppia sfida molto complicata: per dare una mano ai giallorossi ci vorrà il Via del Mare trasformato in una bolgia.

Di seguito il commento del direttore sportivo dell’Us Lecce, Mauro Meluso, diramato dall’ufficio stampa della società: “Magari, con un regolamento più logico Lecce e Alessandria si sarebbero affrontate più in la. La reputo una sorte di pre-finale, visto che entrambe le squadre si sono classificate seconde nei rispettivi gironi. Alla fine, comunque, cambia poco, veramente poco. Siamo pronti per queste sfide”.

“A mio modo di vedere Lecce e Alessandria sono tra le migliori formazioni delle 60 dell’intera Lega Pro. Loro hanno un potenziale offensivo di grandissima qualità, con giocatori che hanno fatto bene in categorie superiori, come Gonzalez. Noi non siamo da meno, sono molto fiducioso. In generale giocare il ritorno in casa è un vantaggio, però,  vista la storia recente dell’Alessandria proprio questo fattore potrebbe avere una valenza negativa per loro”.

L’ex grigio Ferdinando Vitofrancesco.

 

“Della squadra piemontese conosco molto bene Nicco, per averlo avuto a Frosinone. La partita di ieri? Mi ha fatto svegliare questa mattina con grande fiducia per il futuro e questa fiducia non è stata minimamente intaccata dal sorteggio. Ho visto due cose ieri che sono concatenate tra loro: da un lato la spinta eccezionale del Via del Mare, tutti i nostri tifosi erano molto partecipi, come testimonia l’urlo di tutto lo stadio quando Ciancio accompagnava a fondo campo una palla con i giocatori della Sambenedettese che non riuscivano  ad intervenire. Dall’altro, si è vista una squadra che ha sentito questa spinta, questa partecipazione e si è espressa secondo le sue potenzialità, su livelli eccellenti, grazie al lavoro di mister Rizzo e del suo staff e che ci fanno pensare positivo per il prosieguo di questi playoff. Il risultato di ieri sera ci sta stretto e non mi preoccupa il fatto di non essere riusciti a far gol, riprova ne sono le reti segnate in questo campionato”. Questo invece il primo commento a caldo del presidente dei Grigi Luca Di Masi: “Sarà una questione di determinazione, carica agonistica e anche fortuna e noi, lo dico fin d’ora, saremo motivatissimi. Aggiungo che affrontare il Lecce in un Moccagatta che mi auguro carico di passione e voglia di vincere, con quell’entusiasmo che solo il nostro stadio sa esprimere, sarà decisivo. Ora non resta che preparare tutti insieme questa sfida difficile, ma affascinante“.

Mario Bocchio

Nella foto sotto il titolo Michele Marconi, di proprietà dell’Alessandria in prestito al Lecce.