Zero calcoli. Solo vincere!

Il corsivo di Mario Bocchio

Orsi-1

 

Odio fare calcoli o pronostici. Tanto meno analizzare tabelle e grafici.

In ambito sportivo non mi è mai piaciuto perseguire il pensiero olimpico di De Coubertin a cui bastava partecipare. A me di partecipare senza vincere non importa nulla. E se alla fine non si vince, che si dica “Ci ha provato!”.

Per cui sospinto da quanto si legge in giro sul web, non ho resistito alla tentazione e voglio condividere con voi il mio pensiero. Probabilmente da qualche altra parte si saranno fatti gli stessi ragionamenti, ma poco importa. Il piacere di condividerli con voi è prioritario.

La lotta per la promozione diretta in serie B è ancora apertissima. E per dare seguito a quanto ho sempre dichiarato nelle ultime settimane, ribadisco che sin quando la matematica non ci condanna la speranza è sempre viva. Oggi più che mai! Ma per tenere viva la speranza non basta quanto visto sabato scorsocontro il Renate. Bisogna che :

L’Alessandria DEVE giocare per vincere le prossime ultime due gare.

L’Alessandria NON DEVE guardare a cosa succede sugli altri campi.

L’Alessandria DEVE essere artefice del suo destino.

L’Alessandria DEVE dimostrare di averne merito.

Perché non ha senso giocare tanto per farlo o stare in attesa di cosa faranno Livorno e Cremonese. E poi quest’Alessandria – società e squadra – lo deve sè stessa e a tutti i suoi TIFOSI. Unici, inimitabili. Per cuore e passione.