Le statistiche dei Grigi campioni d’inverno

Grigi statistiche (1)

 

“I risultati non arrivano mai a caso e i nostri sono il frutto del lavoro di tutti quanti, ecco perché la mia sensazione di questi giorni è quella di una soddisfazione grande, una serenità che è tutta da gustare e di cui essere orgogliosi…”. Così Adriano Mezzavilla descrive le proprie emozioni, dopo la vittoria di Venezia e il titolo di campioni d’inverno.
Da Mantova riparte un nuovo campionato. “Oh, questo lo sappiamo e il lavoro di questi giorni è ripartito con intensità e impegno da parte di tutti. Nelle prossime partite, tutte le squadre che affronteremo avranno un motivo per fare la guerra: chi deve salire, chi deve trovare tranquillità, chi deve salvarsi. Ma noi siamo pronti”, ha voluto sottolineare il brasiliano in maglia grigia.
Intanto è interessante quanto pubblicato dal collega Gigi Poggio sul sito ufficiale dell’Alessandria Calcio.
Lo chiamano giro di boa e l’espressione è quanto mai pertinente. La fine del girone, infatti, è sempre il momento in cui si fanno valutazioni e confronti e nelle società, nel limite del possibile, anche le mosse per migliorare comportamenti, risultati e strategie.
L’esame dei numeri del girone d’andata del girone A di Lega Pro consente più di una riflessione interessante. Certo, le nostre considerazioni non avranno valore assoluto ma possono dare lo spunto per qualche approfondimento.
Cominciamo dalla differenza reti: l’Alessandria, con + 16, non solo è la migliore del suo girone ma è, addirittura, la più brava di tutta la C unica, dal momento che l’Ascoli nel girone B ha un + 15 e il Benevento nel C + 14. Interessante poi valutare alla fine dell’andata quale sia stato il comportamento delle prime 6 in classifica, relativamente alla media-punti a partita. Alessandria e Bassano sono, ovviamente, in parità con 1,94. Ma se facciamo un confronto tornando alla decima di andata, più o meno la metà del cammini fin qui percorso, scopriamo la frenata dei veneti che viaggiavano a 2,1 e l’accelerata dei Grigi attestati allora sull’1,4.

Grigi statistiche (2)

Dietro aumenta l’andatura anche il Novara che passa da 1,6 a 1,84, mentre rallentano il Pavia (da 2 a 1,85), il R. Vicenza (da 1,9 a 1,6) e il Como (da 2 a 1,6).
Sempre nelle prime 6 il ruolo del cannonieri sembra equamente distribuito. Nel Como, nel Bassano e nel Pavia hanno segnato fin qui in dieci, nel Novara in nove, nei Grigi in otto e nel Vicenza in sette. Proprio per questi ultimi però, risulta fin qui determinante il contributo di Bruno, autore di 13 dei 29 gol segnati finora, senza dimenticare che, a Bassano, Pietribiasi e Nolè hanno segnato insieme la metà dei 32 gol della formazione di Asta.
Ai Grigi, miglior attacco del girone, insieme al Bassano, il numero più basso (2) di partite senza gol: il pareggio interno col Bassano e la sconfitta di Bergamo, con l’Albinoleffe. Bassano e Vicenza non hanno segnato in tre circostanze, Novara e Pavia in 5 e Como in 6. Interessanti poi i comportamenti in casa e fuori. Il Novara coi suoi 23 punti spicca tra le mura amiche; dopo lo seguono il Pavia con 22 e e il Bassano con 21. In trasferta, invece, Grigi davanti a tutti, e di molto, con 20 contro i sedici del Bassano e i 15 del Como. E chi si è ripetuto di più, con lo scarto maggiore nei confronti delle avversarie, conseguendo (2-0) lo stesso risultato? Ancora i Grigi. Questi i numeri della prima parte del campionato. Da Mantova si ricomincia. Altro girone, altre attese, altre dinamiche. Verranno confermate certe tendenze e certi comportamenti e quanto il campionato, modificandone gli assetti, inciderà sulle prestazioni delle squadre? Ce lo diremo a metà maggio.

(m.b.)