Archivio mensile:Aprile 2021

Quando l’Alessandria giocò nella Super Lega vinta dalla Pro Vercelli

L’Alessandria 1921-’22 (foto archivio www.museogrigio.it)

Il progetto Super League non è una novità nella storia del calcio. Una Super Lega nasceva, giusto cento anni or sono, anche nel campionato italiano. Allora la Federazione aumentava ogni anno le iscritte alla Prima Categoria, tanto che nel 1920-’21 parteciparono una novantina di squadre. Le squadre più forti lamentavano l’assurdità dei turni iniziali fatti di inutili partite con avversarie insignificanti. Vittorio Pozzo, dirigente del Torino, presentò un progetto che istituiva, sul modello inglese, la Serie A e la Serie B. Il piano fu approvato delle “grandi” ma venne bocciato dalla Federazione, così lo scisma fu cosa fatta e nacque la C.C.I. che raggruppava le 24 più forti squadre del Nord tra cui anche l’Alessandria.

La Pro Vercelli 1921-’22

Il torneo 1921-’22 era impostato su due gironi da 12 squadre con finale Nord tra le vincenti e finalissima con i campioni del Centro-Sud. I Grigi nel Gruppo B si batterono benissimo arrivando secondi dietro al fortissimo Genoa.

La sfida tra Pro Vercelli e Genoa

Un paio di inopinate sconfitte e i pareggi contro le ultime in classifica vanificarono le belle prove offerte contro i genovesi, costretti al pareggio in entrambe le partite. Il Genoa sfidò la Pro Vercelli nella finale Nord. La spuntarono le bianche casacche vincendo 2-1 a Genova dopo aver pareggiato a reti inviolate la partita di andata.

La Novese cche vinse il titolo della Figc

Nel Centro-Sud vinse la Fortitudo Roma e, come sempre, la finalissima non ebbe … Leggi >

Clamoroso tonfo della Pro Vercelli, pari del Novara ad Olbia

Olbia-Novara 3-3 (foto Olbia Calcio)

Termina 2-2 tra Albinoleffe e Pontedera, entrambe in zona playoff: la doppietta di Magrassi nel finale permette ai toscani di riacciuffare il doppio vantaggio firmato Petrungaro-Borghini. Vittoria di misura per la Juve U23 che supera 1-0 la Carrarese grazie al rigore di Vrioni e si porta a 52 punti, a +9 sui ragazzi di Totò Di Natale. Punti pesanti in chiave salvezza per la Lucchese dopo l’1-0 al Lecco firmato Cruciani. Pari e spettacolo in OlbiaNovara, terminata 3-3: ospiti in gol con Collodel e la doppietta di Rossetti, per i sardi Ragatzu, Biancu e Belloni. Pari a reti bianche in Pro SestoRenate e PergoletteseGiana Erminio, 2-2 invece tra Pro Patria e Livorno: labronici avanti due volte con Dubickas e Marie-Sainte, ma ripresi da Kolaj e Masetti. Blitz del Grosseto, 1-0, in casa della Pistoiese: decide Raimo nella ripresa. Colpo grosso del Piacenza che va ad imporsi 2-0 a Vercelli con la Pro grazie ai gol di Cesarini e Lamesta.… Leggi >

La generosa Alessandria non ce la fa a vincere a Como, per i grigi ora saranno playoff

Umberto Eusepi nella battaglia di Como (foto © Mario Bocchio)

Una generosa Alessandria non riesce nell’impresa di espugnare Como e lascia al Sinigaglia i sogni di sorpasso nei confronti della capolista. Finisce 2 a 1 a favore dei lombardi che, dopo cinque anni, tornano tra i cadetti. Il saluto sul campo del presidente Luca Di Masi ai giocatori rattristati (alcuni in lacrime) la dice tutta. A questi Grigi non si può imputare nulla. Lo si sapeva, serviva un’impresa. Non c’è stata, ora saranno playoff. Si riparte.

L’indomabile capitan Alessandro Gazzi (foto © Mario Bocchio)

LA CRONACA

Moreno Longo è costretto a fare a meno di Casarini, Parodi e del secondo portiere Crisanto. In campo dal primo minuto capitan Gazzi e Mora rispetto a sette giorni prima contro la Pergolettese. Partita in salita per l’Alessandria,che si trova sotto dopo un quarto d’ora di gioco: discesa sulla fascia destra di Terrani e relativo cross, Gabrielloni è il più lesto di testa a colpire a centroarea e battere Pisseri sul palo lontano (15’). La reazione grigia non porta ad occasioni di rilievo, ma nella ricerca del pareggio l’Alessandria porge i fianchi al contropiede lariano e proprio su di una occasione in ripartenza il Como raddoppia. Sulla discesa dell’incontenibile Terrani nasce un batti e ribatti in area con ancora Gabrielloni lesto a trafiggere per la seconda volta Pisseri (30’).

Il gol dell’Alessandria (foto © Mario Bocchio)

Solamente tre giri di lancetta dell’orologio e la squadra di Longo riapre il Leggi >

C’è un solo modo per entrare nella storia, vincere

L’entusiamo del popolo grigio alla partenza della squadra per Como

Il nostro pensiero è rivolto al club e ai calciatori, la speranza è che arrivino a giocare al massimo questa partita, che costituisce la fine di un  percorso comunque esaltante. Questo è un campionato tutto particolare, perché disputato nell’emergenza della pandemia e per quanto riguarda i risultati, caratterizzato dalla significativa rimonta dell’Alessandria dopo l’arrivo di Mister Moreno Longo. Pensiamo sia bello giocarci la Serie B di rincorsa, per riprenderci quell’emozione frantumata nel 2017. Quattro anni sono tanti, quattro anni di rabbia, speranza, comunque sempre di tanto amore per questa Maglia. Quattro anni sono la dimostrazione della serietà del progetto di Luca Di Masi e dei suoi collaboratori. Sono la pazienza di chi ha saputo aspettare.

Verso Como per scrivere una nuova pagina della nostra storia

Fabio Artico, Angelo Gregucci (sì, perché anche lui ha fatto parte di questo gruppo) e Moreno Longo hanno lavorato e lavorano da inizio campionato su determinate situazioni, ci vuole il giusto tempo. Puoi dare input, ma serve il tempo naturale affinché vengano immagazzinati. C’è anche un periodo in cui pensi ci sia un rigetto da parte della squadra, ma poi iniziano a trasformare le nozioni in lavoro tecnico tattico vincente. Da parte del gruppo c’è sempre stata abnegazione, non si può dire altrimenti. E ora c’è anche coraggio nel fare le cose, quando prima poteva esserci il braccino corto temendo di sbagliare.

La grande coesione della squadra

Domani a Como dovremo Leggi >

Alla scoperta del Como di Gattuso

I lariani che inseguono il sogno della B (foto Como 1907)

Continua la rincorsa del Como verso la Serie B. Domenica, in caso di successo sull’Alessandria, la promozione sarà matematica. Contro i Grigi, la squadra di mister Giacomo Gattuso si troverà di fronte la seconda della classe in rimonta, distanziata solo di un punto. Gattuso siede sulla panchina dei lariani dallo scorso 1° dicembre: per lui 24 partite, 15 vinte, 3 pareggiate e 6 perse, per un totale di 48 punti. Guardiamo il rendimento generale del Como: 37 punti in casa e 32 fuori, quindi migliore del girone sia al Sinigaglia che in trasferta. Per i Grigi 39 al Mocca e 29 in trasferta. Se l’attacco lariano è il più prolifico (52 gol) del campionato, la difesa non è affatto impenetrabile.

Il tecnico Giacomo Gattuso (foto Como 1907)

Ad oggi, il Como ha subito 43 reti, 21 in più dei Grigi. Si tratta di un dato che l’Alessandria dovrà tenere in considerazione, soprattutto vista la scarsa abilità dei padroni di casa nel ribaltare le partite. Solo 2 volte su 12, infatti, i lombardi sono riusciti a fare bottino pieno dopo esser passati in svantaggio. Alessio Iovine e Massimiliano Gatto sono i giocatori sempre utilizzati da Marco Banchini prima e Gattuso poi. Gatto, con 14 realizzazioni, è il capocannoniere, mentre per quanto riguarda gli assist si giocano il primato Iovine  e Giovanni Terrani, entrambi quota 4.

Massimiliano Gatto (foto Como 1907)

Sinora, dei sette rigori assegnati Leggi >