Archivio mensile:Giugno 2019

Il senso ambiguo del dovere

Alessandria-Novara 1-1 (foto www.museogrigio.it)

Un’altra stagione di Serie C volge al termine e ci si ripete come un mantra che tutto sia andato bene, che i playoff siano stati combattuti e a tratti spettacolari, che i playout abbiano fornito i giusti verdetti. Ma questa è l’annata peggiore per il calcio italiano e noi abbiamo il dovere di ricordarlo abbandonando la mera cronaca, per i tifosi, per noi stessi e per non apparire complici di un sistema deteriorato e incancrenito. Aule polverose di tribunali, studi legali impegnati a scovare i cavilli di un regolamento vetusto e non al passo con i tempi, fascicoli sbattuti sui tavoli con la veemenza di chi, forse, aveva ragione.

La farsa di Cuneo-Pro Piacenza

Un campionato iniziato con colpevole ritardo, squadre che hanno dovuto recuperare gare fino a un mese prima del termine, partite di ritorno giocate prima di quelle di andata, e i fallimenti, quelli del Matera e del Pro Piacenza, la “barzelletta” del 20-0 di Cuneo e poi quei 118 punti complessivi di penalizzazioni varie, che si vanno a sommare ai 65 della stagione 2017-2018, ai 26 della stagione 2016-2017, ai 62 di quella prima. Ed è da notare come, in pratica, di anno in anno la situazione sia peggiorata.

L’Entella promossa in Serie B (foto Genova24)

Eppure, dobbiamo credere e far credere che si è quasi pronti ad affrontare il finale e la prossima stagione per mantenere quel senso di sicurezza che ci da il calcio e quel polibiano senso di ciclicità … Leggi >

Pisa e Triestina 2-2: si deciderà tutto nella gara di ritorno

Pisa-Triestina 2-2 (foto Il Tirreno)

Termina in parità il primo round tra Pisa e Triestina nella prima delle finali dei playoff di Serie C che porteranno in Serie B. Un 2-2 che lascia aperti i giochi per il salto di categoria giacché, lo ricordiamo, i gol segnati in trasferta non valgono doppio. Alabardati due volte in vantaggio grazie alle reti di Costantino al quarto d’ora, abile a farsi trovare pronto per il tap in vincente a conclusione di una bella azione corale, e nel finale di primo tempo di Formiconi, il quale insacca col destro dal limite complice la deviazione di un giocatore toscano. Il Pisa di D’Angelo risponde colpo su colpo e agguanta il pari prima con l’inossidabile Moscardelli che con un sinistro mette la sfera alle spalle di Offredi, poi con il colpo di testa di Marconi a pochi minuti dal termine dell’incontro.

Pisa-Triestina 2-2 (foto La Nazione)

FINAL FOUR

Finale A (8-15 giugno)
Piacenza-Trapani  sabato 8 ore 20:30

Finale B (ritorno 9 giugno)
Pisa-Triestina  2-2  14′ Costantino (T), 39′ Moscardelli (P), 43′ Formiconi (T), 86′ Marconi (P)… Leggi >

Ecco Artico:”Ci sarà un allenatore esperto, con idee chiare e che sappia lavorare anche con i giovani”

La conferenza stampa allo stadio “Moccagatta”

Si è tenuta questa mattina allo stadio “Moccagatta” la conferenza stampa dell’ Alessandria  nel corso della quale il presidente Luca Di Masi ha presentato Fabio Artico nel ruolo di nuovo direttore sportivo.

“[…] Presento quindi Fabio Artico, che sarà il nostro direttore sportivo per i prossimi due anni, fino al 2021, e lui avrà la responsabilità tecnica del tutto. Perché l’ho scelto? Ho visto in lui una grande crescita, una bella conoscenza di quello che serve a una squadra di Serie C: non solo, conosce anche l’ambiente e sa come si lavora ad Alessandria”.

Contratto fino al 2021 anche per Omero Nereo, responsabile del settore giovanile.

La conferenza stampa allo stadio “Moccagatta”

Ancora Di Masi: “Inizia una nuova stagione, in anticipo rispetto al solito. Nella vecchia, che è stata un po’ faticosa, ci sono state molte cose positive, un anno zero che ci ha insegnato tante cose, i playoff ci hanno dato una buona scossa ma sappiamo benissimo su cosa dobbiamo migliorare e da cosa invece possiamo ripartire. Non è sempre facile trovare il giusto mix tra under e over, ma abbiamo sfornato tanti giovani interessanti, anche se ovviamente nella prima parte della stagione abbiamo dovuto aspettarli, salvo poi vedere che dopo il primo giro di boa ci hanno portato ai playoff: occorre nuovamente essere bravi a creare la giusta amalgama, noi cerchiamo questo, un giusto equilibrio nella costruzione della rosa e nel portare avanti la stagione. Continueremo a fare investimenti importanti Leggi >

Playout: penultimo atto e Lucchese Ok

Lucchese-Bisceglie 1-0 (foto La Nazione)

Il penultimo atto della permanenza in Serie C se lo aggiudica la Lucchese imponendosi sul Bisceglie per 1-0. Primo tempo senza emozioni, con gli estremi difensori praticamente inattivi e squadre più orientate a non prenderle che a offendere. Solo nel finale i pugliesi creano una buona opportunità, ma Bangu spreca tutto. In avvio di ripresa il gol che decide l’incontro: Sorrentino riceve palla spalle alla porta, tenta di servire l’accorrente Di Nardo ma la sfera carambola sulle gambe di alcuni difensori e torna sui suoi piedi favorendogli il tiro che passa sotto le gambe di Vassallo. Per il Bisceglie una gara sfortunata, peggiorata anche dall’infortunio occorso a Cuppone.

LUCCHESE-BISCEGLIE 1-0 (0-0)

Lucchese (4-4-2): Falcone; Lombardo, De Vito, Martinelli, Favale; Zanini, Provenzano, Mauri, Bortolussi; Di Nardo (67’Bernardini), Sorrentino (85′ Isufaj). All.: Langella.
Bisceglie (4-3-3): Vassallo; Calandra, Markic, Zigrossi, Giron; Parlati, Giacomarro (84′ Mastrilli), Risolo; Triarico, Starita, Cuppone (30′ Bangu). All.: Vanoli.
Arbitro: Zufferli di Udine.
Marcatori: 49′ Sorrentino.
Note – Ammoniti: Risolo (B),Markić (B)… Leggi >

Playoff: Piacenza, Pisa, Triestina e Trapani le magnifiche quattro

Trapani-Catania 1-1 (foto Nino Russo)

Nessuna sorpresa nelle semifinali di ritorno dei playoff di Serie C: il Trapani contiene il Catania e la gara si mette subito in discesa grazie a una magistrale punizione di Taugourdeau e all’espulsione di Esposito che lascia gli Etnei in dieci. Sottil si affida alla panchina e sono proprio i neoentrati Brodic e Curiale a confezionare il gol del pari che riapre l’incontro, ma il gol non arriva e saltano i nervi con i Rossazzurri che terminano in otto per via dei cartellini rossi a Biagianti e Calapai. A contendere un posto in B alla banda di Italiano sarà il Piacenza che, forte del 3-1 rifilato all’Imolese nella gara di andata, conquista il diritto a potersi rifare dopo avere perso il salto di categoria all’ultimo istante della regular season. Gli ospiti provano a rimediare, ma la rimonta, dovendo comunque vincere con tre gol di scarto, si ferma sul 2-1. Imolese avanti con Simone Rossetti e immediatamente raggiunta dal gol del “solito” Ferrari; nel finale Giovinco realizza il rigore dell’1-2 finale e, per quanto inutile, regala una sprazzo d’orgoglio a una squadra e un club che ha strabiliato per tutta la stagione.

Pisa-Arezzo 1-0 (foto La Nazione)

L’altra finale sarà quella che vedrà contrapposte due società dal passato blasonato, ovvero Pisa e Triestina. I toscani regolano di misura l’Arezzo a pochi minuti dal termine grazie alla rete di Izzillo e, soprattutto, al 3-2 della gara di andata. Gli Alabardati, … Leggi >