Archivio mensile:novembre 2017

Nell’aria abbiamo sentito la presenza dei campioni del passato. E abbiamo pianto

 

Ad un certo punto della festa per inaugurare il nuovo stadio Moccagatta, abbiamo come sentito un forte richiamo proveniente dal cielo.I giochi di musiche e di luci, un fulmine che ci ha colpito in profondità. Cuore, grinta, battaglia, lacrime.

È come se dall’alto – da dove li immaginiamo stiano ancora giocando con la loro classe – i nostri grandi campioni del nostro glorioso passato fossero tutti lì con noi.

Mai come ieri sera li abbiamo sentiti vicini vicini i nostri campioni del passato: Carcano, Baloncieri, Bertolini, Banchero, Cattaneo, Gandini, Avalle, Banchero, Ferrari, Rampini, Pietruzzi, Cassano, Armano, Tinazzi e Vitali… i gloriosi capitani come Bussetti e Pedroni… i giocolieri come Lojacono e l’Arrigo Dolso. Non ci stavano a perdere questa grandissima occasione di ritornare nella storia. E come se avessero detto: “Sù, fatelo anche per noi!”.

Mai come ieri sera abbiamo sentito vicini vicini quei nostri nonni, padri e amici cari che al Moccagatta sognarono e provarono delusioni. Il Mocca in fondo è la vita. È la casa a cui desideriamo fare ritorno, una sorta di nostra Itaca. Il punto di partenza che in ogni grande romanzo di avventure è anche il punto di arrivo.

È la storia che insegue un pallone di cuoio insieme al popolo grigio in perenne equilibrio tra la gioia e lo sconforto, la felicità e la rabbia.

Ci risuonano nel cuore le parole che ieri sera ha voluto, con tanta umiltà e genuinità, regalarci il presidente Luca Di Masi e capiamo … Leggi >

La rivincita dei Grigi: vincono ed eliminano il Piacenza

 

Due gol per tempo e l’Alessandria fa fuori il Piacenza dalla Coppa Italia di Serie C: dopo il successo di venerdì scorso in campionato, quando Corazza fu protagonista, arriva una serata storia per i biancorossi incapaci di far male. Sfida senza storia, perché dopo il buon inizio dei biancorossi, i Grigi si sono impossessati del match. Due colpi di testa, di Fishnaller e Russini a metà frazione, hanno irrimediabilmente indirizzato la contesa con un Piace in campo in formazione largamente sperimentale.

Nella ripresa, timidi tentativi di reazione, ma piemontesi quasi mai in sofferenza. Nel finale di gara, la fucilata di Pastore e l’incursione centrale di Nicco hanno reso pesante il risultato che consente agli uomini di Marcolini di approdare agli ottavi dove se la vedranno con l’Albino Leffe al nuovo Moccagatta.

Il tabellino

PIACENZA-ALESSANDRIA 0-4 (0-2)

MARCATORI Fishnaller al 25′ p.t., Russini al 32′ p.t., Pastore al 31′ s.t., Nicco al 37′ s.t.

PIACENZA (4-3-3) Lanzano 6; Castellana 6, Bini 5,5, Della Latta 5,5, Sarzi 5 (dal 1′ s.t. Segre 6);Scaccabarozzi 5,5, Morosini 6 (dal 9′ s.t. Pederzoli 5,5), Masullo 5 (dal 41′ s.t. Mora s.v.); Di Cecco 6, Zecca 5, Ferri 5. (Fumagalli, Masciangelo, Nobile, Romero, Corazza, Carollo). All. Franzini 5,5

ALESSANDRIA (4-4-2) Vannucchi 6; Celjak 6, Sciacca 6,5, Piccolo 6,5, Pastore 7; Russini 7 (dal 29′ s.t. Casasola s.v.), Nicco 7 (dal 40′ s.t. Cazzola s.v.), Ranieri 6,5, Rossetti 6 (dal 18′ s.t. Branca 6); Fishnaller 6,5, Bunino 7. (Pop, Marconi, Fissore, Gonzalez, … Leggi >

Serie C, il riepilogo della sedicesima giornata nel Girone A

 

Parte male l’avventura di Marcolini sulla panchina dell’Alessandria, sconfitta per 3-2 a Piacenza (foto sopra) e ora diciassettesima in classifica, con due soli punti di vantaggio sul Gavorrano ultimo (e a sua volta sconfitto in casa dal Pro Piacenza: giornata positiva, per le due squadre piacentine).

I riflettori erano però tutti puntati sull’Arena Garibaldi di Pisa, dove i nerazzurri hanno ospitato e battuto 1-0 il Livorno: un risultato che consente a Pisa di accorciare in classifica, a -5 dai labronici tuttora primi. Il Livorno, comunque, vanta una giornata in meno dei rivali regionali, con il +5 che potrebbe diventare un +8.

Sono sei, invece, i punti di vantaggio della squadra amaranto sulla Robur Siena, che ospita e batte l’Arezzo. Al quarto posto ecco la Viterbese, che allunga la propria striscia positiva battendo 3-0 il Cuneo. Quarto risultato utile consecutivo per la Giana Erminio, che stende 3-0 in trasferta la Lucchese. Sorride e fa punti il Prato, 1-0 in casa sull’Olbia grazie all’autorete di Ogunseye.

Guarda anche

Serie C, Girone A – Il riepilogo della 16/a giornata

 … Leggi >

I Grigi visti dalla “Libertà”. “Il Piace indossa la Corazza e spazza via l’Alessandria. Epica rimonta biancorossa”

 

Entra Corazza e il Piacenza vola. La doppietta dell’ex Novara, intervallata dalla rete di Romero, valgono una epica rimonta dei biancorossi sotto di due reti al cospetto di un’Alessandria a pezzi dal punti di vista fisico cui non risulta sufficiente il cambio di allenatore e il doppio vantaggio maturato al 3’ della ripresa. Un successo fondamentale per i biancorossi che, in attesa delle gare di domenica, tornano in piena zona play off.

Franzini non cambia rispetto alle attese della vigilia, con Scaccabarozzi e Nobile a sostegno di Romero in avanti, con Morosini e Segre a fungere da guardiaspalle a Della Latta in regia; dietro, si ricompone il tandem Silva-Pergreffi, con Mora e Masciangelo ai lati.

Primo tempo davvero avaro di emozione, con l’equilibrio che la fa da padrone tra due squadre che rimangono impantanate nella lotta sulla linea mediana. Fino al 34’, quando l’innocuo cross da sinistra di Branca è maldestramente deviato nella propria porta da Morosini. Un gol inatteso e al quale il Piace non riesce a porre rimedio in un finale di frazione molto equilibrato.

Ripresa ed è avvio shock: al 3’, la conclusione senza pretese scagliata da Gonzalez dai trenta metri sembra destinata ai guantoni di Fumagalli che però manca incredibilmente la presa e lo 0-2 è cosa fatta. Da qui ha avvio una nuova gara: entra Corazza e al 19’ accorcia le distanze con un gran colpo di testa su cross del solito, inesauribile, Masciangelo. Ora il Piace ci crede e ci crede ancor di … Leggi >