Archivio mensile:Settembre 2016

Un mediano d’altri tempi

tortarolo

 

Cent’anni fa nasceva ad Ovada Francesco Tortarolo (nome esatto Giobatta Franceschino), ruolo mediano, entrato a pieno titolo nelle stelle del firmamento del calcio italiano e grigio.

1941-liguria-0-atalanta-2-amoretti-blocca-la-palla-gattoronchieri-e-tortarolo-osservano

1942-fiorentina-5-liguria-1-suppi-brucia-tortaroloNel 1941 e 1942 con la maglia del Liguria.

 

Cresciuto con la Sampierdarenese (inglobata dal 1937 nel Liguria), giocò in serie A con la squadra genovese per sette stagioni (sei di A e una di B) prima dell’interruzione bellica.

tortarolo-1 in-maglia-grigia In maglia grigia.

 

Giocò poi con la Juventus il Campionato Alta Italia 1945-‘46, per proseguire la carriera, sempre in massima serie, con l’Alessandria (dal 1946 al 1948)  e il Genoa, dal 1948 al 1951.

tortarolo-2Una formazione dell’ Alessandria nel campionato 1947-’48. In piedi da sinistra: Di Gennaro, Stradella, Della Frera, Frugali, Diamante, Lustha. Accosciati: Sotgiu, Pietruzzi, Soffrido, Tortarolo, Coscia.

 

Chiuse la carriera di calciatore in serie C e nell’allora IV Serie, con lo Spezia. In carriera ha totalizzato complessivamente 259 presenze e 5 reti in A e 26 presenze in cadetteria.

tortarolo-speziaLo Spezia 1952-’53.  Da sinistra in piedi: Buticchi (presidente), Nevano, Pieri, Mocca, Argenziano, Spinosa, Manfucci.Accosciati da sinistra :Risos, Zennaro, Currarini A., Caprili, Tortarolo

 

Terminata la carriera agonistica divenne preparatore atletico del Como, che allenò anche nel corso della stagione 1961-‘62, in coppia con il direttore sportivo Giulio Cappelli portando la squadra alla salvezza in serie B.

Mario Bocchio

Guarda anche

Contributi

Museo Samp Doria

Tifosolospezia

 … Leggi >

I Grigi in punta di matita

Ritorna il nostro spazio dedicato alla penna del disegnatore Carlo Dossola: ripercorriamo alcune delle ultime vicende dell’Alessandria Calcio.

image001Il Livorno preso a cannonate.

 

image004Mister Braglia e il turnover.

Mario Bocchio

Articoli correlati

I Grigi in punta di matita (5)

I Grigi in punta di matita (4)

I Grigi in punta di matita (3)

I Grigi in punta di matita (2)

I Grigi in punta di matita (1)Leggi >

Quando i Grigi suonarono le sette sinfonie

record-1

 

Battendo il Como l’Alessandria ha eguagliato il proprio record di vittorie consecutive iniziali che, come abbiamo scritto, risaliva alla stagione 1927-’28.

Oggi siamo vicini ad un altro primato: quello che riguarda le vittorie consecutive in senso assoluto, cioè le partite ufficiali vinte in qualsiasi momento della stagione (o in stagioni consecutive); primato fissato a sette partite.

Anche questa prestazione risale alla notte dei tempi ed è stato registrata addirittura in due occasioni.

campionato-1932-33-6Tuffo ardito del portiere grigio Mosele.

 

La prima volta accadde a cavallo della stagione 1926-’27 e la successiva collegandosi direttamente a quello dei successi iniziali appena eguagliato. Alle sei partite iniziali del 1927-’28, infatti, si deve aggiungere quella giocata il 24 luglio del 1927 agli Orti contro il Casale, vinta 2-1 e che diede ai Grigi il successo nella Coppa Coni.

Le sette meraviglie vittoriose risalgono invece al campionato di serie A 1931-’32. A due giornate dalla fine del girone di andata i Grigi, con 12 punti occupavano l’undicesimo posto assieme a Pro Patria, Pro Vercelli e Lazio in posizione abbastanza vicina alla zona retrocessione.

record Una formazione dei Grigi del campionato 1931-’32. In piedi da sinistra: il massaggiatore Assandro, il presidente onorevole Rocca, Cattaneo, Avalle, Cornara, Scagliotti, Riccardi, l’allenatore Savojardo. in centro: Grillo, Gandini, Lingua. Seduti: Fenoglio, Mosele, Borelli, un dirigente.

 

Dopo aver perso a Bologna per 3-1 contro l’unica squadra in grado di insidiare alla Juventus di Carlo Carcano il successo finale (i bianconeri la spuntarono per soli 4 … Leggi >

A “L’Orso in diretta” Luca Rolandi, autore del libro “Quando vinceva il Quadrilatero”

quadrilatero

 

La puntata di lunedì 26 settembre de “L’Orso in diretta” ha visto Mario Bocchio, Marcello Marcellini, Sergio Giovanelli, Massimo Taggiasco e Silvio Bolloli – con la regia di Paolo Baratto – analizzare il successo dell’Alessandria contro il Como.

Sono intervenuti telefonicamente: come nello scorso venerdì, Liliana Cavatorta de “La Provincia di Como”, inviata allo stadio “Moccagatta” di Alessandria, che ha raccontato la partita disputata dalla formazione lariana; Alessandro Rimi, telecronista sportivo presso “Sportube Web Tv”.

La nostra redazione si è poi messa in contatto con l’allenatore del Como Fabio Gallo (foto sotto a sinistra), che ha vestito la maglia grigia, dal gennaio al giugno del 1993, raccontando i suoi trascorsi in riva al Tanaro.923-formazione-1992-93-seconda-09-03-2013-14-58-16

Il momento clou della puntata è stato il collegamento con Luca Rolandi che è l’autore del libro “Quando vinceva il Quadrilatero. Gli anni d’oro del calcio piemontese 1908-1928, dedicato al calcio, ormai purtroppo dimenticato, delle imprese calcistiche di Alessandria-Casale-Novara-Pro Vercelli; con l’autore si è parlato del football passato, dei ricordi delle sfide che hanno segnato un epoca, quelle dove le nostre formazioni piemontesi erano protagoniste.

luca-rolandi

Il prossimo appuntamento con “L’Orso in diretta” è per venerdì 30 settembre per la presentazione della gara tra Alessandria e Cremonese, che si disputerà lunedì 3 ottobre alle ore 20,45.

Articoli correlati

A “L’Orso in diretta” i ricordi di Fontolan e Malatesta

A “L’Orso in diretta” la memoria storica nel calcio

A “L’Orso in diretta” i ricordi di Leggi >

Girone A: Alessandria è in fuga, la Viterbese sugli scudi

cremo-piace-dentro5

 

Prove di fuga per l’Alessandria che conquista la sesta vittoria in altrettanti incontri ai danni del Como grazie alle reti nella prima frazione di Mezavilla e Bocalon.

La Cremonese, seconda in classifica, si fa battere in casa dal Piacenza (doppio Taugordeau per gli ospiti, non basta ai grigiorossi la rete di Scappini) e scivola a cinque punti dalla vetta.

viterbeserenate

In terza posizione si issa la Viterbese che supera con un perentorio 3-0 il Renate (foto sopra) con la tripletta di Marano scavalcando proprio i nerazzurri. Male il Livorno che scende dal podio dopo la sconfitta in extremis a Olbia.

 

Contributi

Parma Live

Cremonaoggi

NewTuscia

Articoli correlati

Troppo forte l’Alessandria o troppo arrendevole il Como?

Sei vittorie su sei, questa Alessandria è ingordaLeggi >