Archivio mensile:Aprile 2015

Al Turina deludente pari per i Grigi

Feralpi-Alessandria

 

Feralpi Salò – Alessandria 0-0, un risultato che a questo punto per i Grigi spazza via le illusioni di promozione diretta in B. Il primo tempo è stato inguardabile, ripresa arrembante e con occasioni per l’Orso ma la palla non è entrata.
Emblematica la dichiarazione del presidente Luca Di Masi: “Non si può, non si deve cazzo. Non si può non vincere una partita così!!! Non possiamo buttare al vento punti. Cazzo! Sveglia!! La partita della vita per stare attaccati al primo posto!! Non dovevamo per forza arrivare primi, ma come si fanno a sbagliare occasioni simili ? Sono incazzato nero!! È tutto assurdo!!”.

Feralpi-Alessandria (10)

Contro l’Alessandria, terza in classifica e in lotta per conquistare la promozione diretta in B, la Feralpi Salò regge con le unghie e i denti, lottando su ogni pallone. Strappa un prezioso 0-0, che consente di rimanere al sesto posto, con un bottino di 50 punti, risultato storico per la società di Giuseppe Pasini. Il Real Vicenza (7°), sconfitto dalla capolista Bassano, scivola a due lunghezze di distacco.
Nemmeno stavolta i gardesani riescono a segnare, e il digiuno comincia a diventare preoccupante, visto che dura ormai da 545 minuti, dal gol di Bracaletti a Cremona (all’85’).

Feralpi-Alessandria (3)

Ma nonostante le cinque gare di fila senza battere il portiere avversario, dimostrano comunque di non essere sulle ginocchia. Sono vivi, spigliati, intraprendenti; al contrario delle ultime deludenti prestazioni. Di conseguenza un pareggio di estremo valore.
Scienza, che schiera … Leggi >

Uruguay – Argentina, il Clasico del Rio della Plata per rifare grandi i Grigi

uruguay-argentina (1)

 

La partita più antica del mondo è dopo tutto un affare di quartiere, perché si dice che Montevideo e Buenos Aires siano due barrios della stessa città sull’una e sull’altra sponda del fiume, anche se poi l’estuario del Rio della Plata (perciò, Argentina-Uruguay si chiama il Clasico Rio platense) è largo quanto un mare: difatti, quando si mettono a giocare a calcio è come se fossero separate da un oceano.

Argentini e uruguayani, di solito, vanno d’accordo, al punto che stanno coltivando l’idea di organizzare assieme i Mondiali del 2030. “Sono i nostri fratelli charruas”, dicono a Baires, usando il nome della prima popolazione indigena che si insediò a Nord del Rio della Plata.
Litigano solo per due motivi: il pallone e il tango, in nome del più grande tanguero della storia, Carlos Gardel, del quale non s’ è mai saputo se sia nato al di là o al di qua del fiume (e neanche quando, per la verità: era così povero che non venne mai registrato all’ anagrafe).
È argentino per gli argentini, uruguayano per gli uruguayani. Nel calcio non ci sono queste mescolanze, la separazione è netta, scavata in 114 anni di storia, perché Selecciòn contro Celeste si gioca ininterrottamente dal 16 maggio del 1901. Uruguay-ArgentinaEscluse le sfide tra rappresentative britanniche, è la partita tra Nazionali più vecchia che ci sia e si è già disputata addirittura 183 volte: 85 ha vinto l’ Argentina, 56 l’ Uruguay, ma quello che … Leggi >

Al Novara 8 punti di penalizzazione, i Grigi a due lunghezze dalla vetta

Dickmann gol

 

Stangata al Novara, l’Alessandria risale al terzo posto in classifica.
“Il Tribunale federale nazionale, Sezione disciplinare, presieduto dall’avvocato Salvatore Lo Giudice, ha inflitto 8 punti di penalizzazione e un’ammenda di 10mila euro al Novara – recita il comunicato della Figc – sanzionando con 15 mesi di inibizione il presidente del Cda e legale rappresentante pro-tempore della società Massimo De Salvo e con 3 mesi di inibizione il presidente del Collegio sindacale Alberto Gatti“.
Ora in vetta alla classifica del girone A di Lega Pro c’è il Bassano a 64 punti, seguito dal Pavia a 63 e dall’Alessandria a 62. Il Novara scivola al quarto posto con 59 punti seguito dal Como a quota 57.

RedLeggi >

Alessandria-Monza, cronaca di una clamorosa sconfitta

Alessandria-Monza_11_04_2015 (129)

 

 

Trafitta a freddo dopo 9 secondi da una prodezza di Torri, non sa più recuperare. Risultato? Clamoroso ko casalingo con il Monza, e a questo punto addio al primo posto diretto per la promozione in serie B. Ora serve recuperare la forma e la mente per i playoff . Esordio straorindario per il Monza, che dopo soli 10 secondi passa in vantaggio con un eurogoal di Torri che dai 25 metri circa stoppa di petto e con un tiro al volo di sinistro insacca sotto l’incrocio. Uno a zero.
Dopo la doccia fredda, l’Alessandria prova a reagire macinando gioco a centrocampo. La prima azione pericolosa si concretizza al 6′ con un tiro a giro da fuori area di Iunco: palla di poco a lato.
La gara prosegue con un sostanziale equlibrio fra le due formazioni che nell’arco della prima mezz’ora, ad eccezione della marcatura di Torri, non riescono comunque a rendersi seriamente pericolose.

Alessandria-Monza_11_04_2015 (26)

Al 30′ il tiro-cross di Spighi rischia di mettere in difficoltà i biancorossi, ma De Lucia è attento ed agguanta in presa. Quattro minuti più tardi ancora Alessandria: Obodo raccoglie un preciso traversone dalla destra, ma il suo colpo di testa termina alto sopra la traversa.
Sul ribaltamento di fronte, Carbonaro elude il diretto marcatore ma pecca di altruismo e appoggia al centro per Torri che viene anticipato dal diretto marcatore.
Al 43′ De Lucia salva il risultato con un riflesso eccezionale su un colpo di testa da … Leggi >

Alessandria-Monza ai raggi X

Foto 10Alessandria-Monza 2-0 nel campionato 1956-‘57.

 

L’ AC Monza Brianza 1912 nasce nell’estate del 2004 a seguito del fallimento dell’AC Monza da cui eredita il titolo sportivo. La squadra biancorossa nel secondo dopoguerra è salita fin quasi ai vertici della gerarchia calcistica disputando ben 38 campionati di Serie B e sfiorando in un paio di occasioni la promozione in A (tra cui lo spareggio con il Pescara perso 0-2 il 1° luglio 1979). Importante il suo abbinamento (anche a livello societario) con la Simmenthal tra il 1955 e il 1965. Anche in Serie C il Monza è riuscito a farsi valere vincendo per ben 4 volte (record) la Coppa Italia di categoria e trionfando anche nell’edizione 1976 della Coppa Anglo-Italiana, challenge tra squadre di terza serie italiane ed inglesi. Al termine di un periodo di decadenza il Monza AC ha chiuso la sua esistenza lasciando il posto all’attuale società.Foto 5

Simmenthal Monza 1957.

 

 

 

Le partite storiche

Alessandria e Monza ebbero il loro primo incontro ravvicinato nella stagione 1950-51, primo anno dei Grigi in terza serie. Al Moccagatta vinsero i Grigi per 2-0. Al ritorno, però, i brianzoli rovesciarono il punteggio a loro favore vincendo 4-1.

31.12.1950 Alessandria
Alessandria – Monza 2-0 (1-0)
Reti: 14. Giraudo [A], 80. Albertelli [A].
Alessandria: Giorcelli, Scarrone, Gabbiani, Arezzi, Vitto, Pietruzzi, Soffrido, Albertelli, Rawcliffe, Giraudo, Savoini.
MONZA AC: Corno, Pirola, Martinengo, Pasolini, Magni, Colombetti, Del Signore, Soldani, Zanello, Dazzi, Giambelli.
Arbitro: Rigato (Mestre).

 

13.05.1951 Monza, San Gregorio
Monza – Alessandria 4-1 (2-0)Leggi >